Formula 1

F1 2022: capolavoro di Verstappen in Ungheria, disastrosa Ferrari

di Marco Coletto -

Uno strepitoso Max Verstappen ha vinto con la Red Bull il GP d'Ungheria all'Hungaroring - tredicesima tappa del Mondiale F1 2022 - dopo essere partito decimo davanti alle Mercedes di Lewis Hamilton e George Russell. Entrambe le Ferrari fuori dal podio a causa di una pessima strategia

Credits: Bryn Lennon - Formula 1/Formula 1 via Getty Images

Vittoria eccezionale di Max Verstappen nel GP d’Ungheria all’Hungaroring: il pilota olandese della Red Bull si è aggiudicato la tredicesima tappa del Mondiale F1 2022 davanti alle Mercedes di Lewis HamiltonGeorge Russell dopo essere partito decimo e nonostante un testacoda.

La Ferrari aveva tutte le carte in regola per portare a casa una doppietta ma è finita fuori dal podio: Carlos Sainz Jr. (4°) è stato penalizzato da due pit-stop lenti e non è riuscito a tenere i ritmi delle frecce d’argento mentre Charles Leclerc è stato vittima di una strategia priva di senso (montare le poco performanti gomme hard a 30 giri dalla fine) che gli ha rovinato la corsa (dalla prima alla sesta posizione).

Mondiale F1 2022 – GP Ungheria: le pagelle

10
/10

Charles Leclerc (Ferrari)


Charles Leclerc sembrava avviato verso la vittoria nel GP d’Ungheria: partito terzo, secondo al 17° giro dopo il pit-stop di Russell e primo una tornata dopo in seguito alla sosta di Sainz Jr., è rientrato secondo alla 22° tornata dopo il primo pit-stop ma è riuscito a riprendersi la prima posizione al 31° giro dopo un sorpasso pazzesco su Russell.

La svolta è arrivata al 40° giro, quando i meccanici Ferrari hanno montato sulla sua monoposto i poco prestazionali pneumatici hard: rientrato in pista terzo, è stato beffato due volte in poco tempo da Verstappen. Tornato in “top 3” al 48° giro grazie alla sosta del compagno Carlos e secondo dopo il pit-stop di Hamilton, è stato superato da Russell al 54° giro e dopo la terza sosta ai box per mettere le gomme rosse si è ritrovato 6°.

8
/10

Carlos Sainz Jr. (Ferrari)

Terza gara consecutiva fuori dal podio per Carlos Sainz Jr.: il pilota spagnolo, partito secondo, si è ritrovato in testa al GP d’Ungheria al 17° giro dopo il pit-stop di Russell ma la tornata seguente è rientrato in pista sesto dopo una sosta lenta.

Tornato in “top 3” al 30° giro e primo al 40° approfittando dei cambi gomme di Leclerc e Russell, è stato nuovamente vittima di un pit-stop lento alla 48° tornata. Rientrato quinto con le soft, è riuscito a prendersi la terza piazza al 55° giro approfittando della terza sosta di Leclerc ma non è stato in grado di difendere la posizione dagli attacchi di Hamilton.

10
/10

Max Verstappen (Red Bull)

Da decimo a primo senza safety-car, senza pioggia e nonostante un testacoda: è stato questo l’eccellente GP d’Ungheria di Max Verstappen.

Il leader del Mondiale F1 2022, già quinto dopo 13 giri, è stato fenomenale dopo il secondo pit-stop al 40° giro: dopo aver ricevuto in regalo dal compagno Pérez la quarta piazza, ha soffiato la terza posizione a Leclerc nella tornata successiva ma ha dovuto ripetere il sorpasso al 45° giro per via di un testacoda. Secondo dopo la sosta di Sainz Jr. al 48° giro e primo tre tornate dopo in seguito al cambio gomme di Hamilton, ha mantenuto il comando meritatamente dopo una grandissima rimonta.

7
/10

George Russell (Mercedes)

Un GP d’Ungheria da ricordare per George Russell: ieri il driver britannico ha conquistato la prima pole position in carriera mentre oggi (3°) il secondo podio consecutivo e il dodicesimo piazzamento in “top 5” in tredici appuntamenti del Mondiale F1 2022.

Dopo una buona partenza è andato a cambiare le gomme al 18° giro rientrando sesto a causa di un pit-stop lento ma ha ripreso la terza posizione una tornata dopo grazie alle soste degli altri piloti. Secondo al 20° giro e nuovamente primo al 22°, si è fatto soffiare la posizione da Leclerc al 31° giro e nove tornate più tardi ha effettuato il secondo cambio pneumatici rientrando sesto. Tornato in “top 3” al 51° giro dopo il pit-stop di Hamilton, si è sbarazzato agevolmente di un Leclerc in difficoltà con le gomme hard prendendosi la seconda piazza ma ha dovuto cederla al più veloce compagno di scuderia Lewis al 65° giro.

7
/10

Ferrari

9 ai piloti, 5 alla Scuderia. Gli strateghi hanno distrutto senza appello la gara di Leclerc montando le gomme bianche sulla sua monoposto mentre si trovava in testa mentre i meccanici ai box hanno rallentato due pit-stop su due a Sainz Jr.

Charles era il favorito del GP d’Ungheria e si è ritrovato sesto e una possibile doppietta (alla luce dell’esito delle qualifiche di ieri) si è trasformata nella seconda gara iridata consecutiva senza podi.

Mondiale F1 2022 – I risultati del GP d’Ungheria

Prove libere 1

1 Carlos Sainz Jr. (Ferrari) 1:18.750
2 Max Verstappen (Red Bull) 1:18.880
3 Charles Leclerc (Ferrari) 1:19.039
4 Lando Norris (McLaren) 1:19.299
5 George Russell (Mercedes) 1:19.606

Prove libere 2

1 Charles Leclerc (Ferrari) 1:18.445
2 Lando Norris (McLaren) 1:18.662
3 Carlos Sainz Jr. (Ferrari) 1:18.676
4 Max Verstappen (Red Bull) 1:18.728
5 Daniel Ricciardo (McLaren) 1:18.872

Prove libere 3

1 Nicholas Latifi (Williams) 1:41.480
2 Charles Leclerc (Ferrari) 1:42.141
3 Alexander Albon (Williams) 1:42.381
4 Max Verstappen (Red Bull) 1:43.205
5 George Russell (Mercedes) 1:43.434

Qualifiche

1 George Russell (Mercedes) 1:17.377
2 Carlos Sainz Jr. (Ferrari) 1:17.421
3 Charles Leclerc (Ferrari) 1:17.567
4 Lando Norris (McLaren) 1:17.769
5 Esteban Ocon (Alpine) 1:18.018

Le classifiche

La classifica del GP d'Ungheria 2022

Max Verstappen (Red Bull)1h39:35.912
Lewis Hamilton (Mercedes)+ 7,8 s
George Russell (Mercedes)+ 12,3 s
Carlos Sainz Jr. (Ferrari)+ 14,6 s
Sergio Pérez (Red Bull)+ 15,7 s

Classifica Mondiale Piloti

Max Verstappen (Red Bull)258 punti
Charles Leclerc (Ferrari)178 punti
Sergio Pérez (Red Bull)173 punti
George Russell (Mercedes)158 punti
Carlos Sainz Jr. (Ferrari)156 punti

Classifica Mondiale Costruttori

Red Bull431 punti
Ferrari334 punti
Mercedes304 punti
Alpine-Renault99 punti
McLaren-Mercedes95 punti
Leggi l'articolo su Icon Wheels