Formula 1

Mondiale F1 2019 – GP Giappone a Suzuka: gli orari TV su Sky e TV8

di Marco Coletto -

Gli orari TV (in diretta su Sky e in differita su TV8) del GP del Giappone a Suzuka, diciassettesima tappa del Mondiale F1 2019

Il GP del Giappone a Suzuka – diciassettesima tappa del Mondiale F1 2019 – sarà trasmesso in diretta su Sky e in differita su TV8 (di seguito troverete gli orari TV).

Formula 1

F1 2019 – Bottas vince il GP del Giappone, sesto Mondiale consecutivo per la Mercedes

Valtteri Bottas ha vinto il GP del Giappone a Suzuka e la Mercedes ha conquistato matematicamente il sesto Mondiale Costruttori consecutivo

La Mercedes – imbattuta nel Sol Levante da cinque anni – può conquistare già qui il titolo Costruttori (dovrà fare 14 punti più della Ferrari) ma dovrà vedersela, oltre che con il Cavallino (che non vince qui da 15 anni), anche con Max Verstappen (pilota che ama particolarmente questo tracciato).

F1 2019 – GP Giappone: cosa aspettarsi

Il circuito di Suzuka – sede del GP del Giappone – è molto amato dai piloti: una pista completa caratterizzata da curvoni veloci e da poche frenate importanti che premia i campioni. Dal 1993 a oggi solo Rubens Barrichello è stato capace di trionfare senza mai laurearsi campione del mondo.

Partire bene qui è molto importante – dal 2009 (anno in cui Suzuka è tornata nel calendario del Mondiale F1) il vincitore è sempre scattato dalla prima fila – ma la pioggia abbondante prevista per sabato potrebbe rivoluzionare le qualifiche. Di seguito troverete il calendario del GP del Giappone, gli orari TV su Sky e TV8 e il nostro pronostico.

F1 2019 - Suzuka, il calendario e gli orari TV su Sky e TV8
Venerdì 11 ottobre 2019
Prove libere 103:00-04:30 (diretta su Sky Sport F1)
Prove libere 207:00-08:30 (diretta su Sky Sport F1)
Domenica 13 ottobre 2019
Qualifiche03:00-04:00 (diretta su Sky Sport F1)
Gara07:10 (diretta su Sky Sport F1, differita alle 15:00 su TV8)
F1 - I numeri del GP del Giappone
LUNGHEZZA CIRCUITO5.807 m
GIRI53
RECORD IN PROVALewis Hamilton (Mercedes F1 W08 EQ Power +) – 1’27”319 – 2017
RECORD IN GARAKimi Räikkönen (McLaren MP4-20) – 1’31”540 – 2005
RECORD DISTANZAFernando Alonso (Renault R26) – 1h23’53”413 – 2006

F1 – Il pronostico del GP del Giappone 2019

title

1° Lewis Hamilton (Mercedes)

Lewis Hamilton è il favorito assoluto del GP del Giappone secondo i bookmaker e anche secondo noi: cinque vittorie nel Sol Levante (quattro negli ultimi 5 anni), quattro pole position e sempre nelle prime due file da quando corre per la Mercedes.

Il cinque volte campione del mondo è tutt’altro che fuori forma: quattro podi negli ultimi cinque Gran Premi disputati.

title

2° Valtteri Bottas (Mercedes)

Valtteri Bottas non ha mai vinto a Suzuka ma nel 2018 è arrivato secondo e negli ultimi quattro anni ha tagliato il traguardo in “top 5” per tre volte.

Dopo un’estate così così il pilota finlandese si è risollevato con tre podi nelle ultime quattro corse e può contare su una Mercedes che ama molto il tracciato nipponico.

title

3° Max Verstappen (Red Bull)

Da quando corre con la Red Bull (tre anni) Max Verstappen è sempre salito sul podio del GP del Giappone e ha sempre centrato le prime due file in qualifica.

Suzuka sarà secondo noi la corsa del riscatto per il driver olandese, salito una sola volta sul podio a settembre e desideroso di soffiare a Leclerc il terzo posto nel Mondiale F1 2019.

title

Da tenere d'occhio: Sebastian Vettel (Ferrari)

Sebastian Vettel è in crisi nera (a settembre, tolta la vittoria a Singapore, ha combinato ben poco) e ha un disperato bisogno di risultati per non perdere le speranze di centrare la terza piazza nel campionato del mondo.

Da quattro anni non chiude in “top 3” il GP del Giappone, anche se a Suzuka può vantare quattro vittorie e quattro pole position (tutte ottenute al volante della Red Bull) più sette podi totali.

title

La squadra da seguire: Mercedes

La Mercedes ha tutte le carte in regola per conquistare il Mondiale F1 2019 Costruttori già a Suzuka.

Le frecce d’argento – capaci di ottenere in Giappone cinque vittorie, cinque pole e di portare sul podio entrambe le monoposto per quattro volte negli ultimi cinque anni – possono secondo noi ripetere la doppietta già centrata (in modo fortunato) due settimane fa in Russia.