Mini: in Olanda già aperti i preordini dell’elettrica

di Junio Gulinelli -

La prima elettrica della marca britannica sbarcherà in Europa dai Paesi Bassi, le prime consegne previste per marzo 2020

Mini segue lo stesso processo di vendita degli altri costruttori che svaporando avanti l’offensiva nel segmento delle elettriche che invaderanno letteralmente il mercato prima della fine dell’anno.

Si parte dalla commercializzazione online per poi passare, in seguito, alle concessionarie tradizionali. In Olanda, nel Caso della marca inglese, il deposito per prenotare la futura Mini elettrica è di 1.250 euro.

Questo è il prezzo da pagare per assicurarsi in anticipo la piccola compatta a zero emissioni che inizierà lo sbarco nel Vecchio Continente proprio dall’Olanda.

Per ora la marca britannica prosegue nei tempi con la roadmap verso il lancio della sua prima elettrica, con la preparazione della catena di montaggio, presso gli impianti di Oxford, che inizierà a lavorare a pieno ritmo alla Cooper EV a partire dal prossimo mese di novembre.

L’obiettivo è partire con le prime consegne ai clienti dei Paesi Bassi a partire da marzo 2020. Fino al prossimo Salone si Francoforte 2019, però, non conosceremo altri dati sulla EV targata Mini che debutterà in anteprima europea a settembre alla kermesse tedesca.

Per ora sappiamo soltanto che sfrutterà la stessa configurazione meccanica della BMW i3, equipaggiata con una batteria da 94A e una capacità di 33 kW. Il motore elettrico avrà invece una potenza di 181 CV.

Archivio

Mini Electric Concept

Al Salone di Francoforte debutterà il prototipo che anticipa la prima Mini elettrica che arriverà nel 2019