Salone di Ginevra 2019

Citroen: a Ginevra la urban car del futuro

di Junio Gulinelli -

Elettrica, con 100 km di autonomia e si può guidare anche senza patente

Citroen ha assicurato che

“così come, in passato, la 2CV rese la mobilità accessibile a tutti, l’Ami One Concept vuole riaprire a tutti la mobilità urbana”.

Ancora non è chiaro se effettivamente sia opportuno comparare l’iconica 2CV con questa nuova proposta del marchio francese, sappiamo però che si tratta di una piccola elettrica a due posti che può essere guidata senza patente nella maggior parte dei paesi europei (basta avere 16 anni).

Per il momento si tratta di un prototipo, ma sembra realistico affermare che il suo obiettivo è arrivare su strada e proporsi sul mercato come alternativa per la mobilità cittadina.

Fino a 45 all’ora con 100 km di autonomia

Il design della Citroen Ami One Concept – che debutterà tra poche settimane al Salone di Ginevra 2019 – è estremamente compatto con dimensioni ‘mini’: è lunga appena 2,5 metri (più piccola di una Smart Fortwo) e alta un metro e mezzo. Secondo Citroen sarebbe in grado di raggiungere una velocità massima di 45 km/h con un’autonomia di circa 100 km con una ricarica. Le batterie agli ioni di litio si ricaricano in circa 2 ore.

Car sharing, noleggio o acquisto, tutto tramite smartphone

Con il progetto Ami One Concept Citroen proporrebbe un utilizzo personalizzato del veicolo, con tempi da 5 minuti a 5 anni e modalità che spaziano dal car sharing, al noleggio, all’acquisto. La micro car elettrica del Double Chevron integra un’applicazione mobile dedicata che permette di interagire con l’auto e di accedere a un portale di servizi che semplificano gli spostamenti. Tutto insomma si può gestire comodamente dal telefonino.