Prova su Strada

Mazda CX-5 2.2 175 CV Exclusive, prova su strada

di Francesco Neri -

Abbiamo provato la SUV Mazda nella versione diesel da 175 CV top di gamma

Pagella
Città 7/10
Fuori Città 8/10
Autostrada 8/10
Vita a bordo 8/10
Prezzo e costi 7/10
Sicurezza 10/10
verdetto
8/10

La nuova Mazda CX-5 è sportiva ed elegante nel look, ma comoda e ottimamente rifinita dentro. Si lascia guidare volentieri per ore, merito di uno sterzo leggero e del motore diesel 2,2 da 175 CV, potente ma un po’ assetato. Il prezzo non è di saldo, ma la qualità è (quasi) da tedesca premium, e con l’allestimento top di gamma Excellence c’è tutto.

title

Un quarto delle vendite mondiali della Casa: ecco quanto pesa per Mazda la CX-5. D’altronde il segmento dei SUV medi (quello di Qashqai, Ford Kuga e Kia Sportage) è ormai tra i più importanti e affollati del mercato. Quali sono dunque le armi della nuova Mazda CX-5? Il design, per cominciare. Dal vivo è imponente, elegante, ma anche sportiva e sinuosa. La calandra davanti è gigantesca e la fiancata è pulita e tesa; l’intera auto sembra forgiata da un pezzo unico.
La versione del nostro test poi è la diesel top di gamma Skyactiv-D 2,2 da 175 CV, con trazione integrale e cambio automatico di serie. C’è anche una versione diesel 2,2 da 150 CV, anche con cambio manuale e due ruote motrici.
Gli allestimenti sono pochi ma ben studiati: l’Exceed ha giù tutto ciò che serve e qualcosa in più, mentre il top di gamma Excellence (quello del nostro esemplare) possiede ogni genere di lusso desiderabile su un C-SUV, compresi i sistemi di sicurezza attiva.

title
7
/10

Città

La Mazda CX-5 è una vettura imponente, con 456 cm di lunghezza infatti è tra le più lunghe del suo segmento, di conseguenza in città non è una delle più facili da parcheggiare. Menomale che ci sono i sensori di parcheggio davanti e dietro e la retrocamera posteriore, tutti di serie, con tanto di frenata automatica durante le manovre. Nel traffico si muove più agile di quanto la massa suggerisca, la visibilità anteriore è ottima e il motore 2,2 diesel da 175 CV è elastico e ricco di coppia. A questo si aggiungono un assetto morbido e un cambio automatico a 6 rapporti che svolge egregiamente il suo lavoro, anche se in ripresa slitta un po’. La Casa dichiara un consumo di 6,3 litri /100 km nell’uso cittadino, ma in realtà ci si avvicina più agli 8 l/100 km. In città la sete di gasolio si fa sentire.

title
8
/10

FUORI CITTÀ

Nel misto guidato la Mazda CX-5 si muove bene, senza però invogliare alla guida sportiva. Il motore ha potenza a sufficienza, ma è un po’ rumoroso. L’abitacolo comunque è ben insonorizzato e questo risolve in parte il problema; peccato per l’assetto troppo morbido e lo sterzo scollegato, due elementi che avrebbero potuto fare la differenza tra le curve, ma in compenso “coccolano” e non affaticano nei lunghi tragitti.
Buone anche le prestazioni: la Casa dichiara uno scatto da 0-100 km/h in 9 secondi e 208 km/h di velocità massima, con un consumo medio nel ciclo combinato di 5,4 l/100 km (circa 18,5 con un litro). Il nostro computer di bordo in realtà si è fermato su 13-14 km/l di media: la massa della vettura e la trazione integrale giustificano in parte la differenza.

AUTOSTRADA 8/10

La Mazda CX-5 è una fantastica compagna per i lunghi viaggi. C’è tanto spazio, i sedili sono comodi (anche dietro) e i sistemi di assistenza aiutano ad alleviare lo stress. Il sistema di mantenimento della corsia tiene l’auto in carreggiata anche “senza mani” effettuando piccole correzioni sullo sterzo, a patto che dopo qualche secondo impugnate il volante per ricordarle che siete lì. Ci sono poi il cruise control adattivo e la frenata automatica d’emergenza, un altro salvagente utile per le code improvvise.
Peccato per il serbatoio piuttosto piccolo (56 litri) che vi costringe a fare rifornimento di frequente.

title Lo spazio non manca di certo, anche dietro.

VITA A BORDO 8/10

La qualità degli interni, rispetto alla vecchia Mazda CX-5, è migliorata ancora. Si può usare tranquillamente la parola premium senza il timore di avere esagerato. Non ci sono gadget ipertecnologici, anzi: lo schermo del sistema di infotainment è fin piccolo per un SUv di questo segmento, e il design della plancia è semplice e ordinato. Da questo punto di vista sembra un po’ una “BMW giapponese”.
Lo spazio non manca di certo, anche dietro. C’è anche l’apertura del bagagliaio automatica; la capienza di quest’ultimo è di 506 litri, ma arriva a 1620 litri con i sedili abbattuti.

PREZZO E COSTI 7/10

Il prezzo di listino della Mazda CX-5 Skyactiv-D 4WD con allestimento Excellence è di 39.850 euro. Un prezzo un po’ più alto rispetto alle concorrenti dirette, ma la qualità è molto vicina a quelle delle rivali premium tedesche e l’equipaggiamento è ricchissimo. I consumi dichiarati (18 km/l) son o un po’ ottimistici, ma la media – reale – di 13-14 km/l ci sembra appropriata. Volendo c’è anche la versione Skyactiv-D 2,2 da 150 CV, anche con cambio manuale e trazione anteriore, più competitiva come prezzo e meno assetata di carburante.

SICUREZZA 9/10

La Mazda CX-5 è sempre stabile e sicura e vanta il meglio della sicurezza attiva e passiva desiderabile su un SUV del segmento C.

DIMENSIONI
Lunghezza456 cm
Larghezza184 cm
Altezza168 cm
Peso1595 kg
Bagagliaio506 - 1620 litri
TECNICA
Motore4 cilindri, 2191 cc
Potenza175 CV a 4.500
Coppia400 Nm a 2.000 giri
Trasmissione6 marce automatica
TrazioneIntegrale
PRESTAZIONI
0-100 km/h9,0 secondi
Velocità massima208 km/h
Consumo5,4 l/100 km
Emissioni142 g/Km
PREZZO
Prezzo39.850 euro