Prova su Strada

Audi Q5, il nostro test drive

di Ilaria Brugnotti -

La seconda generazione di Audi Q5, la suv della gamma Q più venduta al mondo. L'abbiamo guidata per voi sulle strade dell'Alta Brianza: scopriamola insieme

Si rinnova la seconda generazione di Audi Q5, la suv della gamma Q più venduta al mondo, dall’anno del suo lancio, il 2008. Restyling che interessa, in particolare, la zona anteriore – nella parte centrale – i gruppi ottici del posteriore, ma soprattutto sotto il cofano: i motori disponibili oggi sono tutti “mild-hybrid”.

Il frontale richiama il family feeling Audi di ultima generazione, con la calandra single frame più ampia, prese d’aria laterali ridisegnate e passaruota muscolosi. Sulla parte posteriore spiccano i nuovi gruppi ottici OLED: in fase di acquisto il cliente può scegliere fra tre diversi motivi luminosi.

La rinnovata Q5 punta, poi, tanto sull’hi-tech: adotta infatti un sistema di infotainment di ultima generazione MIB3, caratterizzato da una potenza di calcolo superiore di 10 volte, rispetto al modello precedente e può contare, su un ampio display touch, da 10,1 pollici – al posto del tradizionale selettore a manopola – dal quale è possibile monitorare e selezionare tutte le informazioni relative alla vettura e alla connettività. Ha integrato, tra l’altro, il sistema di assistenza vocale Amazon Alexa.

Protagonista del nostro test drive, sulle strade dell’Alta Brianza, è la versione con motore 2 litri TDI da 204 CV con cambio a doppia frizione S troni a 7 marce e alla trazione quattro. Il propulsore è abbinato al sistema mild-hybrid a 12 volt che entra in azione nelle fasi di decelerazione, recuperando energia, per ricaricare la batteria agli ioni di litio che serve ad alimentare i dispositivi integrati nella rete di bordo. Questa tecnologia beneficia di tutti i vantaggi fiscali e di mobilità (in alcune città, ad esempio, non paga la ZTL) connessi all’omologazione ibrida. Il sistema mild-hybrid, secondo quanto dichiarato dalla Casa di Ingolstadt, riduce i consumi fino 0,3 litri ogni cento chilometri.

Audi A5 2.0 (40) TDI quattro S tronic, ha una coppia massima di 400 Nm già a 1750 giri, accelera da 0-100 in 7,6 secondi e raggiunge la velocità massima di 222 Km/h a fronte dei consumi nel ciclo combinato WLTP fra i 6,3 e i 6,9 litri ogni 100 Km.

Non trascurabili, poi, le doti fuoristradistiche tipiche del DNA Audi. Sulla nostra versione, abbinata alla trazione quattro, si attiva la ripartizione della coppia al retrotreno, solamente quando necessario. Ci si può, così, togliere qualche piccola soddisfazione anche sui tracciati off-road, dove la Q5 risulta sempre piacevole da guidare.

Al lancio, oltre al motore 2.0 da 204 CV c’è una versione meno potente da 163 CV e il più potente 3.0 litri TDI quattro triptronic da 286 CV 48V, al quale si affianca la versione sportiva SQ5 TDI da 341 CV. Al momento l’unico benzina disponibile è il 2.0 TFSI quattro S troni da 265 CV; nel primo trimestre del 2021 arriva anche la versione plug-in hybrid.

Ampia la dotazione di sicurezza: dall’Audi pre sense city con riconoscimento di ciclisti e pedoni, chiamata di emergenza, cruise control e svariati sistemi di assistenza alla guida.

Audi Q5 è già disponibile sul mercato: prezzi da 50.800 euro.