Prova su Strada

Audi Q3 35 S Line, l’abbiamo provata con il benzina da 150 CV

di Francesco Neri -

La nuova Audi Q3 è più aggressiva, più tecnologica e più spaziosa. Il piccolo 1.5 TFSI turbo benzina sarà un motore all’altezza?

Appeal Aggressiva e moderna, molto cool, dentro e fuori.
Contenuto tecnologico La nuova Q3 vanta il meglio della tecnologia disponibile su questo segmento.
Piacere di guida Si guida con due dita ed è agile anche in curva. Il motore 1.5 vibra poco ed è più silenzioso del diesel, la sua spinta è lineare ma non vigorosa.
Dettagli special La maschera frontale ampia e i gruppi ottici a LED aggressivi la rendono speciale e sportiva.

Più grande, più accattivante, più high-tech: la nuova Audi Q3 cresce, ma soprattutto matura, e sfoggia un look deciso, dentro e fuori. D’altronde, per competere in uno dei segmenti più hot del mercato – quello delle SUV compatte – non può permettersi punti deboli.

Dati alla mano, sembra migliorata su tutti i fronti. Rispetto al vecchio modello, la nuova Audi Q3 cresce di 10 cm in lunghezza (arriva a 449) e di 8 nel passo. Tradotto: più spazio per i passeggeri posteriori – che godono di un divano scorrevole – e più litri per il bagagliaio, che ora vanta una capacità di 530 litri (più di 1.500 con “tutto giù”), davvero notevole.

Il design è questione di gusti, ma la Q3 è obiettivamente più scolpita e mascolina rispetto primo modello, più tondeggiante e timido. I richiami alla sorellona Q8 – soprattutto nel posteriore un po’ coupé -, e alla E-Tron la rendono anche più “premium”. Le fiancate posteriori, poi, sono larghe e bombate, e nel complesso risulta più sportiva, più cattiva.

Dentro è anche meglio: la sezione del guidatore è ben distinta da quella del passeggero, con figure geometriche che ritagliano gli spazi e una linea “piano black” che attraversa al plancia e ingloba il navigatore. L’enorme schermo nero touch è soggetto a polvere e ditate, ma è comodo e sopratutto intuitivo da usare.

L’ergonomia comunque è ben studiata, ogni tasto è dove deve essere e il design è pulito e moderno. Funziona.

A chi si rivolge

A chi cerca comfort e piacere di guida, ma con lusso e classe.

title

I primi chilometri con l’Audi Q3

La prima cosa che colpisce è la leggerezza dei comandi, la seconda è la silenziosità. Il motore 1.5 TFSI da 150 CV ha il pregio di essere lineare, fluido e silenzioso, a patto che giriate nella zona bassa del contagiri.

Il cambio automatico a doppia frizione è abilissimo nel gestire il motore, snocciolando marce il prima possibile in modo da sfruttare la coppia di 250 Nm (già disponibile a 1.500 giri) e da mantenere bassi i consumi. Che poi, bassissimi non sono: in città percorrono circa i 12 km/l, mischiando statale e autostrada si arriva ai 14-15 km/l. Non è male per un 1,5 litri turbo benzina, soprattutto considerando la stazza dell’auto, ma il diesel è sicuramente meno assetato.

Questo motore, però, è senza dubbio più piacevole. La potenza c’è, ma quasi non ci si accorge, tanto è lineare e senza buchi l’erogazione. In autostrada è incredibilmente silenzioso, merito anche dell’insonorizzazione molto curata. Viene voglia di macinare chilometri, e lo sterzo leggero e gli ammortizzatori soffici mantengono alto il comfort in ogni situazione.

È quasi noiosa per quanto va bene, la nuova Audi Q3, ma la sua aura di perfezione e la sua guida filtrata sono rilassanti, soprattutto per chi vive l’auto tutti i giorni, specialmente nel traffico.

title

Dinamica di guida

C’era un tempo in cui le Audi venivano discriminate per il loro comportamento in curva, ma ormai è lontano. L’Audi Q3 è un’auto che si fa guidare. Non ha proprio un temperamento sportivo, ma è precisa e ben piantata, con un posteriore che segue i vostri imput e un’agilità che sorprende. Lo sterzo è preciso (anche se leggero e filtrato anche nella modalità “Dynamic”) mentre le sospensioni controllano bene gli spostamenti di peso senza lasciare troppo spazio al rollio.

Il motore poi è ben spalmato su tutto l’arco di giri, aiutato da una rapportatura corta che permette di sfruttare ogni singolo CV.

Non sarà emozionante (nemmeno vuole esserlo), ma sicuramente non sfigura quando la strada si arriccia. È molto più agile della precedente Audi Q3 ed è forse la più equilibrata del suo segmento.

Cosa dice di te

Ti piace farti notare, ma non vuoi rinunciare alla praticità. Vivi la città e ami le gite fuori porta, ma soprattutto hai una passione per il lusso e la tecnologia.

title

Quanto mi costa

Quando si parla di tedesche premium siamo abituati a certi prezzi, anche molto lontani da quelli di listino, visto che la dotazione va arricchita (e non è economica). L’Audi Q3 della nostra prova è la S-Line Edition con il cambio automatico a 7 rapporti, che di listino viene 43.200 euro, ma allestita a dovere – senza esagerare – si raggiungono i 50.000 euro. Non sono pochi, ma anche sono cifre in linea con quelle delle concorrenti.

Di serie troviamo il look S-Line, il cruscotto digitale, il cruise control, il black panel che attraversa la plancia e ingloba lo schermo del navigatore, il line departure warning, i cerchi da 19” e il divanetto scorrevole.

SCHEDA TECNICA
Dimensioni448 - 186 - 162 cm
Motore4 cilindri in linea, 1498 cc, turbo
Potenza150 CV a 5.000 giri
Coppia250 Nm a 1.500 giri
Peso1535 kg
0-100 km/h9,6 secondi
V-max211 km/h
Consumi5.7 l/100km (combinato)
Prezzo 43.200 euro (S-Line 35 TFSI Automatica)

Le concorrenti

Le concorrenti dirette dell’Audi Q3 sono le tedesche BMW X1 e Mercedes GLC; volendo ci sono anche la Jaguar XE.