Primo contatto

Suzuki Swift 1.2 Hybrid Top 4WD AllGrip, le prime impressioni di guida

di Francesco Irace -

La versione ibrida a trazione integrale della piccola di Suzuki è pratica, efficiente e versatile

A distanza di poche settimane dal lancio della versione equipaggiata con il 1.0 Boosterjet Hybrid 2WD, Suzuki annuncia l’arrivo sul mercato della Swift a quattro ruote motrici. È una variante pensata per chi necessita della trazione integrale ma non vuole rinunciare allo stile, alla compattezza, alla maneggevolezza (e ad una dotazione di serie ricca) di una vettura che con oltre 5,4 milioni di esemplari venduti rappresenta un’icona per il marchio giapponese. La Swift 4WD AllGrip è abbinata al motore 1.2 Hybrid quattro cilindri da 90 CV e 120 Nm e viene proposta sul mercato al prezzo di 19.190 euro (16.150 euro in offerta fino a fine ottobre).

title

Piace ai giovani e alle donne

Presentata in anteprima nazionale al pubblico del 4×4 Fest di Carrara – il più importante evento sulle vetture a trazione integrale d’Europa, in programma dal 13 al 15 ottobre –, la nuova Suzuki Swift 1.2 Hybrid Top 4WD AllGrip si rivolge principalmente a un pubblico giovane e alle donne (giovani mamme in primis). In soli 384 cm di lunghezza, grazie al passo di 2.450 mm, garantisce una buona abitabilità per 4 persone (è omologata per 5) e un bagagliaio (da 265 litri) capace di accogliere qualsiasi passeggino. Rispetto alla versione a due ruote motrici è più pesante di 120 kg (840 della standard contro i 960 kg della 4×4) ed è più alta di 2,5 cm.

Il maggior peso è dovuto chiaramente alla presenza del sistema AllGrip di tipo Auto (su altre vetture del marchio ci sono le versioni Select e Pro), che tramite un giunto viscoso permanente trasferisce la coppia all’asse posteriore in caso di perdita di aderenza delle ruote anteriori in modo automatico e tempestivo. Nello specifico, in condizioni normali, nella marcia rettilinea su asfalto, il 90% della coppia è trasmesso alle ruote anteriori e solo il 10% a quello posteriori. Viaggiando invece su neve compatta la suddivisione diventa circa 60%-40% mentre su ghiaccio si può arrivare anche al 50%-50%. La maggiore altezza è invece dovuta ad un intervento effettuato sulle sospensioni, che per l’occasione sono state anche leggermente irrigidite.

title

L’unità elettrica aiuta nelle accelerazioni e riduce i consumi

Il motore 1.2 Hybrid nel ciclo combinato consente di percorrere 100 km con 4,5 litri di carburante emettendo 101 g/km di CO2. Cuore dell’Hybrid è l’Integrated Starter Generator (ISG), costituito da un alternatore che riunisce le funzioni di tre componenti (motore elettrico, alternatore e motorino di avviamento), fornendo un surplus di potenza in accelerazione e in ripresa. Questo sistema produce energia durante le frenate, accumulandola in un’efficiente e leggera batteria agli ioni di litio da 12V, che con le sue dimensioni ridotte lascia invariata la capacità di carico e gli spazi interni delle vetture ibride Suzuki.

Dal punto di vista tecnologico troviamo un allestimento completo di tutti i nuovi dispositivi di sicurezza: “occhiodilince” (Advanced forward detection system), “attentofrena” (Dual Sensor Brake Support), “guidadritto” (Lane departure prevention), “restasveglio” (Weaving alert function), “nontiabbaglio” – (High beam assist) e Adaptive Cruise Control.) Ma la ricca dotazione di serie prevede, tra le altre cose, anche il sistema di infotainment con schermo touchscreen da 7’’ compatibile con Apple CarPlay, Android Auto e MirrorLink, dotato di navigatore con mappe 3D, la telecamera posteriore, il clima automatico, cerchi in lega da 16’’ e fari Full LED.

title

Piacevole ed efficiente

Su strada la nuova Suzuki Swift 1.2 Hybrid Top 4WD Allgrip ha un comportamento molto simile alla versione con due ruote motrici. È agile e maneggevole in città e ben sostenuta nei percorsi ricchi di curve. Ha però il vantaggio di poter essere utilizzata anche laddove l’asfalto finisce per far posto a sterrato, sentieri off-road (soft), ghiaccio e neve. Nonostante abbia la trazione integrale riesce a conservare un peso complessivo decisamente ridotto, a tutto vantaggio del piacere di guida. L’assetto è piuttosto equilibrato, un po’ più rigido rispetto a quello della 2WD.

Il motore non assicura prestazioni da sportiva o scatti brucianti, ma se tenuto in alto, grazie anche al supporto dell’unità elettrica, garantisce performance piuttosto soddisfacenti e consumi ridotti. In conclusione, il rapporto qualità/prezzo, soprattutto se si considera l’offerta lancio, è decisamente positivo: la dotazione di serie è ricca e offre un pacchetto “sicurezza” di tutto rispetto. Se proprio bisogna trovarle qualche difetto direi: plastiche tutte rigide (ma comunque piacevoli al tatto) e una posizione di guida che (nonostante il volante regolabile in profondità e altezza) penalizza un po’ i conducenti dal metro e ottanta in sù.

Scheda Tecnica
Dimensioni3.840x1.735x1.505
Bagagliaio265-579l
Motore 4 cilindri Hybrid da 1.242cc da 90 CV
Prestazioni170 km/h di velocità max
Consumi4,5l/100km e 101 g/km