Primo contatto

Jeep Wrangler 4xe: fuoristrada alla spina

di Marco Coletto -

Abbiamo guidato la Jeep Wrangler 4xe: la variante ibrida plug-in della quarta generazione della grande fuoristrada americana (non chiamatela SUV, potrebbe offendersi) è una vera 4x4 più adatta all'off-road che all'asfalto in grado di affrontare anche percorsi impegnativi in modalità elettrica. Nel massimo rispetto dell'ambiente

Le fuoristrada elettriche non esistono (ancora) ma la Jeep Wrangler 4xe è il mezzo che si avvicina di più al concetto di off-road ecologico: la variante ibrida plug-in benzina della quarta generazione della 4×4 statunitense – non chiamatela SUV, potrebbe offendersi parecchio – può infatti affrontare tratti impegnativi lontani dall’asfalto in modalità EV e può percorrere 45 km con il solo ausilio della batteria. In poche parole il mezzo ideale per chi frequenta spesso i luoghi più impervi e vuole inquinare il meno possibile.

Nel nostro primo contatto abbiamo avuto modo di guidare la Jeep Wrangler 4xe (disponibile solo Unlimited, cioè a passo lungo e con le porte posteriori) nella versione Rubicon dedicata a un uso più “estremo”: scopriamo insieme i suoi pregidifetti.

Jeep Wrangler 4xe: come funziona il sistema ibrido plug-in

Il sistema ibrido plug-in della Jeep Wrangler 4xe è composto dal già noto motore 2.0 turbo benzina da 272 CV (un propulsore a quattro cilindri dalla cilindrata contenuta che consente di risparmiare sull’assicurazione RC Auto) affiancato da due motogeneratori elettrici (da 63 e 145 CV) e da un pacco batteria ad alta tensione da 17 kWh montato sotto i sedili posteriori. Il tutto abbinato a un eccellente cambio automatico TorqueFlite (convertitore di coppia) a 8 rapporti.

Il primo motore elettrico è collegato all’unità a benzina in sostituzione dell’alternatore tradizionale e, oltre a funzionare in sinergia con esso, può all’occorrenza agire da generatore ad alta tensione. Collegato attraverso una cinghia alla puleggia dell’albero motore, oltre a erogare coppia aggiuntiva per alimentare il motore a benzina gestisce il funzionamento del sistema start-stop generando al contempo l’elettricità da convogliare nel pacco batteria.

Il secondo motore elettrico è invece montato sulla trasmissione (più precisamente sulla parte anteriore della scatola) ed è integrato nel cambio automatico: i suoi compiti sono quelli di generare la forza di trazione e di recuperare l’energia in frenata.

La potenza (380 CV) e la coppia (637 Nm) del sistema ibrido sono gestite da due frizioni: quando la prima – situata tra le due unità – è aperta è possibile viaggiare a emissioni zero poiché manca il collegamento meccanico tra motore termico ed elettrico, quando è chiusa le due unità si combinano.

Il sistema ibrido plug-in della Jeep Wrangler 4xe comprende inoltre un modulo IDCM (Integrated Dual Charging Module) che combina un sistema di ricarica della batteria e un convertitore DC/DC. Ultimo, ma non meno importante, l’inverter di potenza alloggiato all’interno del pacco batteria.

title

Come funziona il sistema ibrido in poche parole

In parole povere la Jeep Wrangler 4xe monta un motore a benzina abbinato a due unità elettriche in grado di generare una potenza complessiva di 380 CV e una coppia totale di 637 Nm. La batteria da 17 kWh garantisce un’autonomia in modalità elettrica di 45 km e può essere ricaricata completamente in meno di tre ore (a 7,4 kWh).

Le modalità di guida sono tre (selezionabili attraverso appositi pulsanti sulla plancia alla sinistra del volante): in Hybrid la 4×4 “yankee” privilegia inizialmente l’energia prodotta dalla batteria e quando gli accumulatori raggiungono il livello di carica minimo o quando il guidatore richiede più potenza il sistema sfrutta il motore a benzina, in Electric l’auto viaggia in elettrico e torna automaticamente in Hybrid quando la batteria raggiunge il livello di carica minimo o quando il pilota preme a fondo il pedale dell’acceleratore e in E-Save viene data la priorità al propulsore termico risparmiando gli accumulatori per utilizzi successivi.  Attraverso il sistema Uconnect è inoltre possibile attivare due modalità secondarie di E-Save: Battery Save (consente di mantenere lo stato di carica della batteria per utilizzarla in un secondo momento) e Battery Charge (consente di ricaricare la batteria sino all’80% tramite l’unità a benzina su cui interviene il generatore elettrico abbinato).

title

Jeep Wrangler 4xe: prezzo buono, dotazione nella media

La Jeep Wrangler 4xe Rubicon protagonista del nostro primo contatto ha un prezzo interessante in rapporto ai contenuti offerti (71.050 euro) e una dotazione di serie nella media della categoria:

Esterni

  • Specchietti elettrici e riscaldati
  • Cerchi in lega 17×7.5
  • Pneumatici 32″ Mud-Terrain
  • Paraurti anteriore specifico Rubicon
  • Vetri oscurati
  • Parafanghi neri
  • Finiture Neutral Grey su mascherina
  • Pedane Rock rails
  • Soft Top Sunrider premium nero
  • Fari LED
  • Sticker centrale sul cofano con logo 4xe
  • Sticker Rubicon ai lati del cofano con tracer blu

Interni

  • Clima automatico bizona
  • Specchietto elettrocromatico
  • Sedili in tessuto premium con cuciture blu
  • Sistema Audio 9-speaker Alpine Premium con subwoofer da 552W
  • Quadro strumenti 7″ TFT configurabile
  • Schermo 8,4″ Uconnect con Android Auto/Apple CarPlay
  • Navigatore
  • Radio DAB

Funzionalità

  • Barra stabilizzatrice anteriore disinseribile
  • Assali Dana 44/44
  • Bloccaggio dei differenziali ant./post.
  • Rock-Trac 4,0:1 4×4 system
  • Sospensioni specifiche
  • Sensori di parcheggio anteriori
  • Telecamera anteriore
  • Hill Start Assist
  • Selec Speed
  • Sensori posteriori con retrocamera
  • Active Speed limiter e cruise control
  • Technology Group
  • Cavo di ricarica domestica mode 2
title

Jeep Wrangler 4xe: le novità in 5 punti

  • Tecnologia ibrida plug-in
  • Motore 2.0 turbo benzina da 272 CV
  • Due motori elettrici da 63 e 145 CV
  • Autonomia in elettrico di 45 km
  • Batteria da 17 kWh ricaricabile in meno di 3 ore a 7,4 kWh
Scheda tecnica
Lunghezza4,88 metri
Larghezza1,89 metri
Altezza1,90 metri
Velocità max156 km/h
Bagagliaio533/1.910 litri
Caratteristiche motoreturbo ibrido plug-in benzina, 4 cilindri, 1.995 cc, 380 CV e 637 Nm di coppia
Prezzo71.050 euro

Come va in fuoristrada

In fuoristrada la Rubicon ibrida plug-in si comporta esattamente come la variante termica: cioè alla grande. Rispetto alla Sahara (già molto valida in off-road) offre chicche come un rapporto di riduzione di 77,2:1, la barra stabilizzatrice anteriore disinseribile, gli assali Dana 44/44, il bloccaggio dei differenziali anteriori e posteriori, il sistema di trazione integrale Rock-Trac (che comprende una scatola di rinvio a due velocità con rapporto delle marce ridotte pari a 4:1) e le sospensioni specifiche. Da non sottovalutare, inoltre, gli pneumatici Mud-Terrain, il paraurti anteriore specifico e le pedane Rock Rails.

Nonostante la batteria montata sotto i sedili posteriori (soluzione che ha portato al loro redesign per consentire di ribaltare in avanti la copertura e facilitare l’accesso agli accumulatori) la leggendaria fuoristrada statunitense offre la stessa capacità di guado – fino a 76 cm a una velocità di 8 km/h – della Unlimited “standard”. Tutti i componenti e i sistemi elettronici ad alta tensione, compresi i cablaggi tra pacco batterie e motori elettrici, sono sigillati e impermeabili.

Per quanto riguarda gli altri numeri troviamo un angolo di attacco di 36,6° (36 per la Unlimited Rubicon 2.0), un angolo di dosso di 21,4° (20,8°), un angolo di uscita di 31,8° (31,4°) e un’altezza da terra di 25,3 cm (25,2).

Come va su asfalto

La Jeep Wrangler 4xe Rubicon protagonista del nostro primo contatto è una fuoristrada dura e pura rivolta agli amanti dell’off-road. Se amate il look della 4×4 “yankee” ma affrontate spesso strade asfaltate il nostro consiglio è quello di puntare sulla Sahara: meno specialistica, più economica, più veloce (177 km/h contro 159) e con pneumatici All-Season più adatti all’uso “normale”.

Su strada emergono tutti i limiti della Wrangler, a cominciare da uno sterzo che si comporta quasi meglio a 130 km/h che a 50: nel primo caso bisogna farsi i muscoli per mantenere la traiettoria (una valida alternativa alla palestra) ma almeno non bisogna correggere spesso come quando si sta ad esempio in città sul pavé.

La Jeep Wrangler 4xe Rubicon predilige le andature rilassate (l’abitacolo poco insonorizzato. le gomme Mud-Terrain e i fruscii marcati dovuti a forme tutt’altro che aerodinamiche non aiutano quando si va forte) ed è poco agile nelle curve: non tanto per il peso – quasi due tonnellate e mezza di orgoglio americano non sono neanche molte considerando i valori raggiunti da alcune grandi SUV ibride plug-in – quanto per tutto il resto (baricentro molto alto, impianto frenante poco potente).

Dove l’abbiamo guidata

Nel nostro primo contatto abbiamo avuto modo di guidare la Jeep Wrangler 4xe tra TorinoSauze d’Oulx su un percorso molto vario composto da tratti urbani, extraurbani e autostradali. Il tutto condito da un tratto off-road di livello medio affrontato quasi totalmente in elettrico (l’unità a benzina è intervenuta sporadicamente quando abbiamo affondato il piede sul pedale dell’acceleratore), selezionando la modalità 4L (quattro ruote motrici con marce ridotte) con una leva molto dura, bloccando il differenziale posteriore e sbloccando la barra antirollio anteriore.

NON TUTTI SANNO CHE – L’uomo più famoso di Sauze d’Oulx è Piero Gros: ex sciatore (ha vinto, tra le altre cose, la Coppa del Mondo 1974 e la medaglia d’oro in slalom speciale alle Olimpiadi di Innsbruck 1976, gara che assegnava anche il titolo Mondiale) nonché sindaco del comune piemontese dal 1985 al 1990.

title

Dove vorremmo guidarla

Avremmo voluto analizzare i consumi della Jeep Wrangler 4xe in modalità ibridabatteria scarica ma all’andata (da Torino a Sauze d’Oulx) ci è stato suggerito di utilizzare la modalità meno efficiente di tutte: la E-Save, quella che privilegia il motore 2.0 a benzina risparmiando gli accumulatori per utilizzi successivi. Il risultato? 8,1 km/l.

Nel viaggio di ritorno abbiamo sì sfruttato la modalità Hybrid ma con la batteria completamente carica: su 90 km di percorso la 4×4 “yankee” è riuscita ad andare completamente in EV per quasi 50 chilometri consentendo una media di consumo all’arrivo pari a 17,5 km/l.

La Jeep Wrangler 4xe può essere un’alternativa a una SUV? Dipende dalla versione scelta (quindi la Sahara e non la Rubicon) e da cosa siete disposti a rinunciare in nome del look: la fuoristrada americana è un mezzo robusto, ruvido e ricco di sostanza che lascia poco spazio al lusso. Un’iconica compagna di viaggio da comprare e tenere a lungo che presenta alcuni alti e bassi alla voce “praticità”: l’abitacolo offre tanto spazio alla testa e alle gambe di chi si accomoda dietro (ma il divano è un po’ stretto per accogliere tre passeggeri) e al capitolo “bagagliaio” – 548 litri che diventano 1.059 quando si abbattono i sedili posteriori – c’è chi se la cava meglio, anche per quanto riguarda l’accessibilità.

Le concorrenti

Audi Q7 55 TFSI e La Jeep Wrangler 4xe non ha rivali dirette e per questo motivo abbiamo scelto quattro grandi SUV ibride plug-in non specialiste dell'off-road. Come ad esempio la crossover di Ingolstadt: ingombrante e poco agile nel misto ma spaziosa, costosa ma scattante ed efficiente.
BMW X5 xDrive45e Business Una grande crossover ibrida plug-in elegante e raffinata da usare solo su asfalto.
Land Rover Range Rover Sport PHEV SE Buona in fuoristrada (ma non ottima come la Wrangler)
Volkswagen Touareg eHybrid Elegance La variante ibrida plug-in della grande Sport Utility di Wolfsburg - una delle migliori proposte del segmento - è comoda e costruita con cura. Il bagagliaio è grande mentre l'abitacolo presenta alti e bassi (divano largo ma con pochi centimetri per la testa e le gambe).