Primo contatto

Hyundai i20: spaziosa dentro e bella fuori

di Marco Coletto -

Abbiamo guidato la nuova Hyundai i20: la terza generazione della piccola coreana - spaziosa e pressoché priva di difetti - è una delle migliori proposte del segmento

Ci sono vetture che sanno fare benissimo alcune cose (divertire, consumare poco o regalare ad esempio il massimo comfort) ma peccano in alcune materie e altre – come la nuova Hyundai i20 – che sanno fare bene praticamente tutto. La terza generazione della piccola coreana – erede, tra le altre cose, dell’auto da rally campionessa del mondo WRC in carica – è un mezzo molto equilibrato che può vantare una pagella piena di otto con un solo dieci (quello relativo allo spazio).

Nel nostro primo contatto abbiamo avuto modo di guidare la Hyundai i20 1.0 T-GDI 48V mild hybrid benzina nel ricco allestimento Bose: scopriamo insieme i pregi e i difetti di una delle migliori “segmento B” attualmente in commercio.

Hyundai i20: spazio, tecnologia e finiture

Non fatevi ingannare dal design sexy e sportivo: la terza serie della Hyundai i20 offre un divano posteriore largo in grado di accogliere comodamente tre passeggeri e un bagagliaio più grande di quello (già ampio) dell’antenata. I litri sono 351 (un valore che rende la piccola coreana adatta anche come unica auto per una giovane coppia con un figlio) ma va detto che sulle versioni mild hybrid – come quella guidata nel nostro primo contatto – il pratico doppio fondo è occupato dalla batteria.

La qualità c’è (ed è supportata, come sempre quando si parla di Hyundai, da una lunga garanzia di 5 anni a chilometraggio illimitato): la plancia è realizzata con plastiche rigide ma assemblate con cura e il guidatore ha a disposizione tanta tecnologia. Qualche esempio? Due display da 10,25″ (il cruscotto digitale e il touchscreen sulla consolle centrale) e Android Auto e Apple CarPlay utilizzabili in modalità wireless.

title

Hyundai i20: la gamma motori

La gamma motori della terza generazione della Hyundai i20 è composta, per il momento, da due unità:

  • un 1.2 a benzina da 84 CV
  • un 1.0 turbo tre cilindri mild hybrid benzina T-GDI 48V da 100 CV

Più avanti vedremo una variante a GPL e la sportivissima N, spinta da un propulsore 1.6 turbo benzina da 204 CV.

title

Nuova Hyundai i20: il design

La terza serie della i20 introduce sul mercato europeo il nuovo linguaggio stilistico Hyundai “Sensuous Sportiness” già visto su altri modelli della Casa coreana venduti in America e in Asia: un design basato sull’armonia tra proporzione, architettura, stile e tecnologia.

La piccola orientale appare più piantata a terra rispetto al passato: merito del tetto abbassato di 2,4 cm, della carrozzeria più larga di 3 cm e della lunghezza aumentata di 0,5 cm (+ 1 cm di passo). Forme grintose e originali per una delle “segmento B” esteticamente più riuscite: frontale sportivo, profilo affusolato, una coda impreziosita da luci combinate a forma di Z e – nell’abitacolo – un originale pattern a linee orizzontali che collega le bocchette d’aerazione.

title

Hyundai i20: prezzo e dotazione di serie

La Hyundai i20 1.0 T-GDI 48V Bose protagonista del nostro primo contatto ha un prezzo in linea con quello delle rivali (21.400 euro) e può vantare una dotazione di serie che comprende:

Sicurezza

  • (H.A.C.) (A.B.S.) (T.P.M.S.)
  • 6 airbag (anteriori, laterali, a tendina)
  • Antifurto con radiocomando a distanza e immobilizer
  • eCall
  • Freni a disco anteriori e posteriori
  • Hyundai SmartSense (Rear Seat Alert R.S.A., sistema di assistenza anti-collisione frontale con riconoscimento veicoli e pedoni F.C.A., sistema di avviso di ripartenza L.V.D.A., sistema di gestione automatica dei fari abbaglianti H.B.A., sistema di mantenimento attivo della corsia L.K.A., sistema di riconoscimento dei limiti di velocità I.S.L.W. e sistema di rilevamento della stanchezza del conducente D.A.W.

Meccanica

  • Sistema ISG “Idle Stop&Go System”

Cerchi e pneumatici

  • Cerchi in lega da 17″ con pneumatici 215/45 R17
  • Kit gonfiaggio pneumatici

Esterni

  • Indicatori di direzione integrati negli specchietti
  • Luci diurne e di posizione a LED
  • Specchietti retrovisori regolabili, riscaldabili e ripiegabili elettricamente

Interni e comfort

  • Alzacristalli elettrici anteriori e posteriori
  • Climatizzatore manuale
  • Cluster Supervision da 10,25″
  • Cruise control
  • Interni premium bicolore grigio/nero
  • Luci d’ambiente
  • Sedile guidatore regolabile in altezza
  • Sedile posteriore abbattibile con modulo 60:40
  • Sensore crepuscolare
  • Sensori di parcheggio posteriori
  • Volante e pomello del cambio rivestiti in pelle
  • Volante regolabile in altezza e profondità

Audio e telematica

  • Bluetooth con riconoscimento vocale
  • Caricatore wireless per smartphone
  • Comandi audio al volante
  • Retrocamera
  • Sistema di navigazione con display touchscreen da 10,25″ con connettività Apple CarPlay e Android Auto
  • Servizi telematici Bluelink
  • Premium Sound System Bose – Sistema audio a 8 canali con woofer e amplificatore esterno
  • USB per la ricarica

Una dotazione che a nostro avviso andrebbe arricchita con l’Exterior Pack (950 euro: fari anteriori Full LED con illuminazione statica degli angoli, fari fendinebbia anteriori, luci posteriori a LED e vetri posteriori oscurati) e il Techno Pack (800 euro: bracciolo anteriore scorrevole, climatizzatore automaticosensore pioggia, Smart Key & Start Button e USB posteriore). Avremmo anche voluto il cruise control adattivo, ma è optional solo sulle versioni con cambio automatico (1.400 euro nel Safety Plus Pack DCT).

title

Hyundai i20: le novità in cinque punti

  • Nuovo design
  • Motore mild hybrid benzina
  • Cambio iMT
  • Android Auto e Apple CarPlay wireless
  • Bagagliaio più grande
Scheda tecnica
Lunghezza4,04 m
Larghezza1,78 m
Altezza1,45 m
Acc. 0-100 km/h10,4 s
Bagagliaio352/1.165 litri
Caratteristiche motoreturbo mild hybrid benzina, 3 cilindri in linea, 998 cc, 100 CV, 171 Nm
Prezzo21.400 euro

Dove l’abbiamo guidata

Nel nostro primo contatto abbiamo guidato la nuova Hyundai i20 tra MilanoVigevano su un percorso pianeggiante prevalentemente extraurbano. Sulle strade lombarde la “segmento B” coreana si è comportata bene offrendo un buon livello di comfort e tanta sicurezza nelle curve.

Tra gli elementi positivi segnaliamo lo sterzo piacevolmente sensibile e i freni potenti mentre il cambio manuale a sei marce iMT è più adatto alla guida ecologica (scollega la trasmissione dopo che il conducente rilascia l’acceleratore permettendo all’auto di entrare in modalità coasting per risparmiare carburante evitando i rallentamenti dovuti al freno motore) che a quella sportiva (la leva tende a impuntarsi quando viene sollecitata). Le prestazioni? Non sportive ma in linea con quanto offerto dalla concorrenza: 188 km/h di velocità massima, 10,4 secondi sullo “0-100” e un motore 1.0 turbo tre cilindri mild hybrid benzina T-GDI 48V da 100 CV e 171 Nm di coppia in grado di regalare una spinta discreta ai bassi regimi.

NON TUTTI SANNO CHE – La Birra Peroni è nata a Vigevano.

title

Dove vorremmo guidarla

Avremmo voluto guidare per più tempo la Hyundai i20 nel traffico cittadino in modo da valutare l’efficienza del sistema mild hybrid (che promette una riduzione dei consumi del 3-4%) nel ciclo urbano. La casa coreana dichiara percorrenze leggermente inferiori ai 20 km/l nel ciclo WLTP, nella realtà adottando uno stile di guida tranquillo – e sfruttando molto la tecnologia CVVD (Continuously Variable Valve Duration) che regola i tempi di apertura e chiusura delle valvole in base alle condizioni di guida – siamo riusciti a stare sopra quota 18.

Le concorrenti

Kia Rio 1.0 T-GDi 100 CV MHEV GT Line La rivale più agguerrita della i20 si trova in famiglia: monta lo stesso motore ricco di coppia e lo stesso cambio ma è meno coinvolgente da guidare.
Mazda Mazda2 1.5 90 CV M-Hybrid Exclusive Prezzi alti e un motore brioso (ma non particolarmente parco).
Suzuki Swift 1.2 Hybrid Top Piccola (fuori e dentro), agile nelle curve e in grado di offrire consumi bassi. Migliorabili le prestazioni, il comfort e il cambio (solo 5 marce).
Toyota Yaris Hybrid Active Una vera "full hybrid" con cambio automatico rivolta a chi cerca la massima efficienza.