Primo contatto

Citroën C5 Aircross: la grande della famiglia SUV

di Francesco Neri -

Stile inconfondibilmente “Cactus”, ma con spazio e comfort al top del segmento. Per provarla siamo andati fino a Marrakech

COMFORT Il suo punto forte. Le sospensioni pneumatiche attive fanno magie e lo spazio a bordo è tantissimo. Ottima anche l’insonorizzazione
PIACERE DI GUIDA Non è tra le più agili e sportive, ma ha uno sterzo leggero e preciso. Il cambio è dolce ma non fulmineo. Potente ed elastico il diesel da 180 CV
PREZZO E COSTI Il prezzo di partenza di 25.700 euro è interessante (27.200 euro per il diesel da 130 CV). Nella media i consumi.

È tempo di SUV medio anche per Citroën: si chiama C5 Aircross, e punta tutto su comfort e spazio a bordo. Il telaio è lo stesso della Peugeot 3008 e della Opel Grandland X, ma sia dentro che fuori appare un’auto completamente diversa.
Sulla scia della C4 Cactus – e delle ultime Citroën – troviamo gruppi ottici sottili davanti, LED tondi e concentrici dietro, i famosi Airbump reinterpretati (ora dall’aria più seria e robusta) e tocchi di colore che la rendono fresca e “giocattolosa”. Insomma ha un’aria solida, massiccia, quasi da vettura offroad. La trazione integrale però non c’è su nessuna motorizzazione, ma per affrontare neve e sterrati c’è il sistema Grip Control, che permette di scegliere l’intervento dell’elettronica per ogni tipo di fondo.

Chiedi un preventivo e una prova su strada

title "ha la capacità di trasformare le buche in panna"

SPAZIO E COMFORT PRIMA DI TUTTO

Gli interni della Citroen C5 Aircross riflettono quanto appena detto sugli esterni: robustezza, colore, forme tonde ma più serie. Per essere una SUV media ci sono troppe plastiche dure, ma il design rimane comunque gradevole. La strumentazione digitale è grande (12,3 pollici) chiara e configurabile. C’è anche uno schermo da 8 pollici centrale che racchiude gran parte delle funzioni dell’auto, il che permette di ripulire plancia e tunnel da levette e pulsanti, ma rende anche più macchinose certe operazioni.

Lo spazio a bordo della Citroën C5 Aircross è gestito in modo intelligente: i vani portaoggetti sono numerosi e profondi, e il divano posteriore scorrevole permette di variare la capacità di carico (record del segmento) da 580 a 720 litri, 1630 con i sedili abbattuti. E poi non c’è il solito tunnel centrale che infastidisce sempre il quinto passeggero, cosa non scontata.

Su strada poi, la Citroën C5 Aircross ha la capacità di trasformare le buche in panna. Un miracolo reso possibile dalle sospensioni Progressive Hydraulic Cushions (brevettate dalla Casa), che utilizzano una tecnologia derivata dalle vetture del WRC, e che riescono ad assorbire e smorzare gli urti in modo incredibile, senza far oscillare l’auto in curva come una torta nuziale.

Questo rende la guida molto rilassante, più di quella delle concorrenti, e rende i lunghi viaggi meno stancanti. E qui troviamo un altro plus: i sedili Advance Comfort, altro brevetto Citroen. In pratica hanno uno strato di 15 mm extra di materiale schiumoso che coccolano la vostra spina dorsale e i vostri glutei. Insomma, tutto è studiato per il comfort maggiore possibile. Una sensazione amplificata dai vetri anteriori rinforzati che isolano piuttosto bene dal rotolamento delle gomme e dalla rombosità del motore.

title

SICURA MA NON VIVACE

Nonostante le sospensioni morbide e la vocazione da tuttofare spaziosa, la Citroen C5 Aircross su strada è agile e per niente impacciata. Non è la più sportiva tra le rivali, ma la sua vocazione è un’altra. Lo sterzo è leggero e piacevole e il motore 2.0 diesel BlueHDi da 180 CV e 400 Nm di coppia è elastico e robusto ai bassi regimi; quello che serve per una guida tranquilla. È anche capace di un buono spunto (0-100 in 9,4 secondi), ma la C5 non invoglia ad attaccare le curve. Invoglia a fare tanta strada, a viverci dentro. Pure in città si viaggia bene, e la seduta alta e la buona visibilità anteriore permettono di prendere bene le misure.
Peccato che agli alti regimi il quattro cilindri faccia sentire la sua voce ruvida e poco gradevole, nonostante la buona insonorizzazione complessiva.
Ottimo invece il cambio automatico EAT8, di serie sulla versione da 180 CV e consigliabile su tutte. Rende la marcia fluida e omogenea, ma è dolce e un po’ in ritardo per essere sportivo. Insomma, si abbina benissimo alla C5 Aircross.

title

PREZZO E MOTORIZZAZIONI

La Citroen C5 Aircross ha un prezzo di listino che parte da 25.700 euro per la versione 1.2 PureTech benzina da 130 CV con allestimento Live, mentre la 1.5 diesel BlueHDi da 130 CV, con lo stesso allestimento, parte da 27.200 euro.
La versione diesel BlueHDi da 180 CV, invece, viene 34.200 euro nell’allestimento Feel (con cambio automatico di serie), mentre la top di gamma Shine cost 36.700 euro, e aggiunge anche i sedili Advance Comfort. Nel l 2020 arriverà anche una versione ibrida plug-in con la trazione integrale.