Auto Sportive

Porsche Dauer 962 stradale, il prototipo di Le Mans road-legal

di Francesco Neri -

C’è forse qualcosa di più spettacolare di una prototipo da corsa omologato per un uso stradale? Sì, la Dauer Porsche 962

Guidare un’auto da corsa su strada è uno di quei sogni proibiti che appartengono ad ogni appassionato di auto. Le proporzioni esotiche, le dimensioni proibitive, il rumore, le prestazioni.

Non saranno adatte per farsi amici i vicini di casa, non certo comode nel traffico, non molto propense a rispettare i limiti, ma l’idea di poter guidare un prototipo di Le Mans su strade pubbliche ecciterebbe i bambini di tutte le età, anche quelli cresciuti come noi.

L’auto in questione è la Porsche Dauer 962 stradale, nata dalla folle idea di Jochen Dauer, pilota e possessore dell’omonima azienda. Per chi non la conoscesse, la Porsche 962 è un prototipo dei primi anni ’90 che correva nel gruppo C, frequentato da auto da corsa da 800-1000 Cv. È l’erede della 956, l’auto che nel 1984 girò al Nurburgring in 6,11 minuti. Una macchina molto, molto veloce.

Auto Sportive

ICONICARS: Ferrari 360 Modena Challenge Stradale

Una delle Ferrari stradali più estreme mai costruite, una vera auto da corsa omologata

Stradale è un eufemismo

Dauer nel 1993 cominciò a costruire delle versioni stradali con il supporto di Porsche, cercando di smussare il più possibile il carattere selvaggio della vettura da competizione. Non si sa con esattezza quanti esemplari sono stati costruiti, la cifra dovrebbe sfiorare la decina.

Il telaio in fibra di carbonio è lo stesso dell’auto da gara (Dauer ha acquistato telai inutilizzati), così come la carrozzeria in Kevlar e le sospensioni push-road a doppi triangoli sovrapposti. L’auto però è dotata di un sistema pneumatico che permette di alzare il muso di qualche millimetro per poter affrontare i dossi. Larga quasi due metri, lunga 4,7 e alta 1,1, su strada sembra un’astronave.

L’angusto abitacolo assomiglia più a quello di un jet e non è certo di facile accesso, ma Dauer ha fatto il possibile per renderlo vivibile. Le portiere a forbice sono state rese più facili da aprire grazie ad una pompetta pneumatica; gli interni poi sono stati abbelliti e resi più confortevoli con l’aggiunta del climatizzatore e all’imbottitura dei sedili.

title
LE MAN, FRANCE - JUNE 18: Drivers Mauro Baldi of Italy, Yannick Dalmas of France and Hurley Haywood of the USA drive the Dauer Porsche 962LM #36 to win the Le Mans 24hr race on June 18th - 19th, 1994 in Le Mans, France. ( Photo by: Pascal Rondeau/Getty Images) - Credits: LE MAN, FRANCE - JUNE 18: Drivers Mauro Baldi of Italy, Yannick Dalmas of France and Hurley Haywood of the USA drive the Dauer Porsche 962LM #36 to win the Le Mans 24hr race on June 18th - 19th, 1994 in Le Mans, France. ( Photo by: Pascal Rondeau/Getty Images)

Motore e prestazioni

Questi miglioramenti non rendono certo la Porsche Dauer 962 Stradale un’auto docile e lenta. Il suo motore 6 cilindri boxer 3,0 litri montato in posizione centrale è un vero mostro.

Vanta un doppio albero a camme in testa ber bancata, un impianto di iniezione elettronica Bosch e soprattutto due turbine KKK. La potenza erogata è di 730 CV a 7.600 giri/min e la coppia massima è di 700 Nm a 5.000 giri/min. Questa forza della natura si affida alle sole ruote posteriori da 285/40ZR18 e ad un cambio manuale a 5 rapporti. Mentre a calmare i bollenti spiriti ci pensa un impianto frenante Brembo a 4 pistonicini dotato di ABS e e dischi anteriori da 330 mm.

Con un peso di soli 1.080 kg a secco, poi, potete solo immaginare le prestazioni mostruose di quest’auto. 0-100 km/h in 2,8 secondi, 402 km/h di velocità massima, una velocità possibile anche al migliore coefficiente di penetrazione della versione stradale e del minor carico aerodinamico (il 40% in meno).