Auto Sportive

Morgan: con la piattaforma in alluminio è rivoluzione

La Casa inglese adotterà anche un nuovo sei cilindri e si prepara all'elettrificazione

Con l’arrivo del 2020 Morgan inizia una nuova tappa nella sua storia. Il marchio britannico manterrà l’estetica retro dei suoi modelli, ma sotto la carrozzeria le sportive inglesi saranno tutte nuove. Elemento di trasformazione sarà infatti la nuova piattaforma in alluminio che si adatterà alle nuove tecnologie meccaniche.

Il primo passo lo avevamo visto già alla scorsa edizione del Salone di Ginevra, dove Morgan svelò la nuova Plus Six, che inaugurava proprio l’inedita piattaforma in alluminio denominata internamente “CX-Generation” e un motore sei cilindri di origine BMW al posto del classico V8 usato fino ad ora. Addio, dunque, al telaio in acciaio con struttura in legno utilizzato fin dal 1936 (con varie modifiche arrivate con gli anni).

Da Morgan assicurano che il passo in avanti si farà sentire soprattutto in termini di peso, con fino a 100 kg in meno risparmiati con il nuovo telaio, oltre ad una più elevata rigidità torsionale. Il tutto condito da una nuova rete elettrica e a un’elettronica che permetterà di installare avanzati sistemi di assistenza alla guida e un equipaggiamento più moderno e sofisticato. Ma soprattutto il nuovo telaio in alluminio permetterà a Morgan di sviluppare anche nuovi powertrain ibridi ed elettrici.

E per finire, la Casa d’Oltremanica ha anche annunciato che entreranno in gamma motorizzazioni più piccole del sei cilindri, aprendo quindi la porta, probabilmente, anche al nuovo quattro cilindri 2.0 Turbo della nuova M135i.

Archivio

Morgan al Salone di Ginevra 2018

Due novità firmate Morgan al Salone di Ginevra 2018: la Aero GT e la Plus 8 50th Anniversary Edition