News

Riparte la stagione del Volvo Studio di Milano. Tra arte, musica, stile e belle automobili

di Alessandro Pasi -

A settembre è ricominciata l’attività di una delle strutture più particolari ideate da una Casa automobilistica, il Volvo Studio di Milano

Sostenibilità, coscienza ecologica, arte, musica pure un po’ di moda. A settembre è ricominciata l’attività di una delle strutture più particolari ideate da una Casa automobilistica, il Volvo Studio di Milano. Luogo piacevole dalle parti di piazza Gae Aulenti, così speciale che quasi ci i dimentica che l’azienda svedese produce pure automobili. Mentre in realtà lo Studio è nato proprio perché Volvo è Casa particolare, impegnata fortemente in una mobilità serena e sempre più green. Dice infatti Chiara Angeli, Head of commercial operations di Volvo Cars Italia e responsabile delle attività al Volvo Studio: “Il Volvo Studio non fa che ribadire la propria missione, che è quella di diffondere i valori della Cultura in senso lato oltre che del marchio Volvo. Puntiamo su due elementi chiave della nostra azione, vale a dire l’attenzione ai giovani e la valorizzazione del pensiero creativo. Arte e Musica sono due ambiti nei quali da tempo il Volvo Studio Milano si è specializzato”.

Il primo appuntamento, nell’ambito della rassegna Autunno Boreale è giovedì 7 ottobre con Kimmo Pohjonen, icona della musica finlandese che ha rivoluzionato il modo di suonare la fisarmonica e ha composto musiche per film, danza e teatro. Poi il 4 novembre andrà invece in scena il norvegese Jens Christian Bugge Wesseltoft, che ha fatto del connubio jazz-elettronica la sua bandiera ed il suo cavallo di battaglia.

Infine, a chiudere la rassegna, giovedì 18 novembre sarà Bobo Stenson, considerato uno dei più grandi pianisti jazz viventi. La sua carriera vanta numerose collaborazioni come quelle con Sonny Rollins e Don Cherry.

Invece, con Avant-Young 2021, rassegna articolata in su quattro appuntamenti ed è dedicata all’estro creativo di giovani artisti provenienti da altrettante accademie d’arte storiche italiane: Venezia, Bologna, Firenze, Milano. Il tema che Volvo ha assegnato e sul quale gli artisti attiveranno la loro creatività è quello della Sicurezza, valore cardine del brand. Per ciascuna accademia, tre studenti selezionati sono invitati a presentare o realizzare ex-novo una loro opera al Volvo Studio Milano. Dopo una giornata di preview e premiazione, le opere degli artisti restano esposte al Volvo Studio Milano per due giorni. Le giornate espositive previste sono quattro: dopo quella di giovedì 9 settembre con l’Accademia di Belle Arti di Venezia, giovedì 16 settembre sarà il turno dell’Accademia di Belle Arti di Bologna, mentre giovedì 11 novembre verranno presentati gli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Firenze. Infine, giovedì 25 novembre la rassegna si concluderà con gli studenti dell’Accademia di Belle Arti di Brera. In ultima analisi, la rassegna Avant-Young 2021 | #safety risponde a una linea guida assoluta dell’azione di Volvo, che è quella della centralità della Persona e della valorizzazione delle sue eccellenze. Infine, dedicati alla sostenibilità, due altri appuntamenti che si terranno il 21 e il 22 settembre prossimi. Martedì 21 settembre avverrà la proiezione del video dedicato a 4EST Suite, composizione ispirata alla tempesta Vaia. Per chi non se lo ricorda, alla fine del 2018 una terribile tempesta denominata Vaia colpì le Dolomiti, distruggendo milioni di alberi, patrimonio naturale e culturale del territorio. Per sottolineare il proprio impegno a favore dell’Ambiente e ricordare questo tragico avvenimento, Volvo Car Italia ha tratto l’idea per una Art Commission, che ha rivolto ai giovani musicisti di collettivo_21, ensemble musicale formatosi a Piacenza. Il risultato è l’opera originale 4EST Suite, realizzata dal giovane compositore Alessandro Baldessari.

Mercoledì 22 settembre torna protagonista la moda sostenibile di Gilberto Calzolari. Lo scorso 3 marzo, in occasione del reveal mondiale della nuova Volvo C40 (finalmente un’automobile!) il giovane stilista italiano noto per il proprio impegno green era stato protagonista di un dibattito sul tema Aethics meet Aesthetics, a sottolineare come uno stile rispettoso dell’ambiente ed espressione di valori etici possa generare contenuti estetici elevati. Risponde proprio a questo assunto la Capsule Collection che Gilberto Calzolari presenterà nell’appuntamento di settembre, una collezione esclusivamente realizzata con tessuti e filati ad alta sostenibilità.

Ultime ma non ultime, in chiusura del mese di settembre, il Volvo Studio ospiterà Giovedì 23 e 30 Settembre i due appuntamenti della terza edizione di Jam The future – Music for a New Planet, il contest per jazz band emergenti, dedicato ai nuovi talenti del panorama musicale nel quale gli artisti in gara presentano composizioni dedicate alle evoluzioni del mondo e alle importanti trasformazioni in atto. Al termine delle due serate, i voti del pubblico e la giuria composta da personalità del mondo della musica nominerà la band vincitrice, che parteciperà all’edizione 2021 di JAZZMI.

tag
Volvo