News

Volkswagen investirà 30 miliardi in auto elettriche

di Junio Gulinelli -

In occasione della presentazione dei risultati finanziari Herbert Diess ha ribadito la scommessa sulle auto a zero emissioni

Herbert Diess ha approfittato della sua prima presentazione dei risultati come presidente del Gruppo Volkswagen (con benefici operativi di 17,1 miliardi di euro) per riaffermare la sua scommessa sull’auto elettrica. Una scommessa fatta già quando era presidente della marca Volkswagen.

Un anno fa l’ex-presidente Matthias Muller aveva annunciato il lancio di 50 auto elettriche entro 10 anni. Ora Diess aumenta questo obiettivo a 70 nuove auto a batterie, con investimenti previsti di 30 miliardi. Il che si tradurrebbe nella vendita di 22 milioni di auto elettrificate di tutte le marche del Gruppo tedesco in Europa, Nordamerica e Asia, entro il 2028.

Nella nuova strategia imposta da Diess rientra anche la riduzione delle varianti dei modelli delle rispettive marche per migliorare la produttività e ridurre i costi. Tutto ciò darà a Volkswagen le basi economiche per far fronte agli ingenti investimenti necessari all’elettrificazione.

Gli investimenti saranno destinati anche alla produzione di batterie in Europa, con la collaborazione di specialisti asiatici come LG Chem, CATL, SKI e Samsung. In parallelo Volkswagen ristrutturerà sette fabbriche tra cui tre di Audi, due di Porsche e una di Skoda per la produzione di modelli 100% elettrici. Per il momento Seat è coinvolta nel settore delle auto elettriche son il marchio Sol in Cina, ma in futuro anche lo stabilimento di Martorell potrebbe ospitare la produzione di modelli elettrici.

La nota dolente riguarderebbe l’occupazione, Il presidente del Grupp Volkswagen ha ammesso infatti che la minor necessità di mano d’opera per costruire auto elettriche starebbe obbligando il gruppo a ridurre l’organico delle fabbriche di Hannover, Emden e Zwickau di circa 5.000 impiegati attraverso pre-pensionamento.

Eco

Nel 2020 Volkswagen inizierà la produzione delle colonnine mobili

La Casa tedesca estenderà il progetto pilota che parte da Wolfsburg