News

Renault e Dacia in Italia contro il coronavirus: le azioni di solidarietà

di Marco Coletto -

Tutte le azioni di solidarietà di Renault e Dacia in Italia contro il coronavirus


Renault e Dacia in Italia hanno attivato diverse azioni di solidarietà per assicurare la mobilità e dare sostegno a tutto il personale medico che si trova in prima linea nell’emergenza coronavirus.

La filiale italiana del colosso francese ha messo ad esempio a disposizione della Croce Rossa alcuni veicoli sia nella città di Roma (Municipio Roma 6), sia a Ciampino, che attraverso il Comitato Tusculum che opera su sei comuni (Monte Porzio Catone, Grottaferrata, Frascati, Rocca Priora, San Cesareo e Monte Compatri).

Ma non è tutto: la rete dei concessionari Renault del nostro Paese (soprattutto nel nord-ovest e nel nord-est) ha affiancato Renault Italia in altre iniziative. Qualche esempio? Il prestito di veicoli al personale degli ospedali della propria Regione o ai Comuni per effettuare le consegne a domicilio ai più bisognosi (Centro Car Cazzaro, Nini Car, Messa T., Oberti, Alpin, Essepiauto) e la donazione di dispositivi di protezione individuale o di teli coprisedile usa e getta (Piemmecar, Autovittani, Manelli, Bendinelli, Gruppo Carmeli, Borrauto, Oriente, Autoequipe, Autocenter).

Senza dimenticare il prestito di veicoli commerciali ai supermercati di zona per implementare il servizio di consegna a domicilio (Superauto), le donazioni in denaro alle autorità locali (Center) o ad enti ospedalieri (Rondina Auto, Autovip), l’organizzazione di raccolte fondi a favore dell’Ospedale San Raffaele (Renord) e l’acquisto e la donazione di dispositivi di ultima generazione per il reparto di rianimazione di Udine (Gruppo Ferri).