News

Honda chiude la fabbrica di Swindon in UK

Secondo la Casa giapponese la chiusura non riguarderebbe la Brexit ma un piano di ristrutturazione globale della rete produttiva

Dopo i rumors che si inseguivano nelle scorse 24 ore, ora è ufficiale. Honda chiuderà definitivamente il suo stabilimento produttivo di Swindon, in UK. Secondo quanto annunciato dalla stessa Casa giapponese, la chiusura di questo impianto industriale – prevista per il 2021, quando terminerà la produzione delle Civic e la Civic Type R – rientrerebbe in un processo di ristrutturazione della sua rete produttiva globale.

Da quanto si legge nel comunicato la programmazione dello stop di Swindon avviene

“mentre Honda accelera il suo impegno per le auto elettrificate, in risposta ai cambiamenti senza precedenti nel settore automobilistico globale. Le importanti sfide dell’elettrificazione vedranno il costruttore rivedere le attività di produzione globali per concentrarle nelle regioni in cui si prevede di avere elevati volumi”. 

Attualmente a Swindon si producono 150.000 veicoli all’anno, destinati a 70 mercati, con circa 3.500 impiegati.

Nonostante questa chiusura, la sede centrale di Honda rimarrà in Regno Unito e nel comunicato della Casa giapponese non è stato fatto alcun riferimento alla situazione politica del paese in processo verso la Brexit. Anzi, Ian Howells. vicepresidente senior di Honda per l’Europa, ha dichiarato ai microfoni della BBC:

“Non si tratta per noi di un problema correlato alla Brexit: questa decisione è stata presa sulla base di cambiamenti globali”.

Del resto anche in Turchia, sempre a partire dal 2021, verrà fermata la produzione della Civic presso lo stabilimento di Kocaeli, dove attualmente sono impiegati 1.100 dipendenti.

tag
Honda