News

Audi accende il Fuorisalone 2021: in via Spiga l’installazione “Enlightening the Future”

di Nina Stefenelli -

Audi City Lab, visitabile in via Spiga 26 a Milano fino al 27 settembre, è un laboratorio pensato e creato per condividere idee emozioni e sensazioni

È ormai un appuntamento di primo livello durante la settimana del design. Parliamo di Audi City Lab, visitabile in via Spiga 26 a Milano fino al 27 settembre. Un laboratorio pensato e creato per condividere idee emozioni e sensazioni, su quello che è stato e ciò che verrà, dove sentirsi testimoni di un nuovo anno zero, dal quale ripartire per declinare i concetti di velocità e mobilità secondo nuove esigenze e prospettive, con una intelligenza e consapevolezza diverse.

Al suo interno, un omaggio alla luce come fonte di ispirazione e paradigma del progresso tecnologico. Enlightening the Future è una installazione che comunica un senso di nascita e di rinascita, che avvolge i sensi e ti accoglie in una dimensione fatta di avanguardia e sculture mobili, come la potente Audi RS e-tron GT e la concept Audi A6 e-tron.

Nel corso della serata di inaugurazione dello spazio, al centro di un intenso e ispirato talk e prima di prendere parte a una coreografica cena imbandita nel cuore del Quadrilatero, deliziata dalle opere culinarie dello chef stellato Norbert Niederkofler, si sono intrattenuti e raccontati diversi talenti, che hanno condiviso la propria visione di futuro.

Gabriele Chiave, Co-creative director di Marcel Wanders studio, per il marchio di Ingolstadt ha firmato l’opera luminosa protagonista di quest’anno: “Enlightening the Future è un progetto pensato per portare conoscenza, incentrato su un approccio più umanistico di fondamentale benessere psicologico”. Un’esperienza che stimola l’esplorazione sensoriale e muove la curiosità, per andare “alla scoperta del mondo in modo diverso rispetto a come lo conosciamo”.

Francesco Ragazzi, portavoce in questa occasione dell’universo moda, ha portato la sua realtà come Founder and creative director di Palm Angels, uno dei marchi streetwear di riferimento tra i giovani. E poi il sogno per antonomasia, interpretato dalle parole del regista e sceneggiatore Gabriele Muccino, che confessa un nuovo fermento generale e “una ritrovata euforia per chi fa questo mestiere”, accompagnata da una irrefrenabile voglia di ripartire.

A fare gli onori di casa Fabrizio Longo, direttore Audi Italia, che ha aperto le danze insieme al Senior vice president dei quattro anelli, Henrik Wenders, e alla Signora del Fuorisalone, la direttrice di INTERNI Gilda Bojardi, prima di lasciare la direzione della serata al giornalista e scrittore Mario Calabresi.

Estetica, tecnologia e uomo sono al centro dell’ispirazione di Audi City Lab, dove l’obiettivo è “parlare di noi ma non troppo”, come ha ricordato il numero uno di Audi Italia, dando la precedenza all’importanza di trovare nuovi spunti e alla capacità di ispirarsi. “La nostra visione è creare e modellare il futuro”, ha sottolineato Mr Wenders, ricordando come sia l’interazione tra le persone a muovere il tutto, e come il progetto ideato per il Fuorisalone 2021 rappresenti un ambiente di condivisione con il mondo intero, non solo per la città di Milano.

Ma come si traduce in concreto tutto ciò? Il tema dell’elettrico ormai ha conquistato il proprio posto in cima alla lista delle priorità per le aziende del comparto automotive, ma quanto si può essere davvero sostenibili oggi? “Il termine sostenibile è molto abusato. Oggi sono più gli slogan che gli impegni concreti. L’obiettivo di Audi – ha ricordato Fabrizio Longo prima di congedare gli ospiti – è convertire tutti gli asset partendo da valle, non solo a monte con il prodotto finito. Per questo ci affidiamo spesso a start up innovative sotto questo punto di vista. A portatori sani di soluzioni concrete”.

tag
Audi