News

Aston Martin DB5 Goldfinger Continuation Edition, un auto da sogno per moderni James Bond

di Ilaria Brugnotti -

L'Aston Martin DB5 Goldfinger Continuation Edition è dotata di una vasta gamma di gadget funzionanti appartenenti al celebre film "Agente 007 - Missione Goldfinger", uno dei più evocativi quando si pensa al personaggio di James Bond

Aston Martin DB5, la replica dell'auto di James Bond in Goldfinger

La prima customer car del programma “continuation” di DB5 Goldfinger ha lasciato la linea di produzione poche settimane fa. Si tratta della Aston Martin DB5 ‘Job 1‘ e rappresenta, non solo un nuovo importante successo di design e ingegneria, ma anche la prima nuova DB5 ad essere costruita da Aston Martin in oltre mezzo secolo.

Ritenuta una fra le auto più famose al mondo, la DB5 è diventata sinonimo di stile senza tempo e fra le auto sportive più desiderate. Tra il 1963 e il 1965 furono costruiti meno di 900 esemplari, il più famoso tra i primi proprietari fu l’agente segreto più noto al mondo – James Bond – che per primo guidò l’auto che oggi è indissolubilmente legata a lui nel film del 1964, “Goldfinger”.

A 55 anni dal suo debutto: oggi arriva una versione speciale a tiratura limitatissima.

Create in collaborazione con EON Productions, filmmaker di James Bond, e dotate di una vasta gamma di gadget funzionanti appartenenti al celebre film, nate dalla supervisore agli effetti speciali del film Chris Corbould Obe.

28 esemplari con produzioni autentiche minuziosamente dettagliate della DB5 vista sullo schermo, con alcune modifiche e miglioramenti che garantiscono i massimi livelli di qualità in termini di costruzione e affidabilità.

Tutte le auto sono dotate di pannelli esterni in alluminio in pieno stile DB5 originale che mascherano la struttura del telaio in acciaio. Sotto il cofano, il motore 6 cilindri in linea aspirato da 4,0 da 290 CV – a trazione posteriore – accoppiato a un cambio manuale ZF a cinque velocità.

Fra le dotazioni cinematografiche di questa vettura (il cui costo è di 2,75 milioni di sterline), si annoverano, fra le altre: targhe rotanti, mitragliatrici gemelle anteriori simulate, sistema di erogazione fumo posteriore e protezione antiproiettile.


Foto e video dallo showroom Aston Martin di Milano