News

20 quattro ore dei Laghi: il primo e-rally italiano targato AUDI

di Ilaria Brugnotti -

Abbiamo avuto l’onore di partecipare al primo rally italiano a bordo di vetture a zero emissioni… Mica roba da niente: “20quattro ore dei Laghi” è la competizione organizzata da Audi, nel fantastico scenario di Cortina d’Ampezzo, nota località delle Dolomiti, di cui il brand dei quattro anelli è partner dal 2018

20 quattro ore dei Laghi 2022: il primo rally italiano a zero emissioni

Metti un’esperienza fuori dal comune, resa ancora più eccezionale dal fatto che si tratti – finalmente – di tornare ad assaporare la condivisione di un evento su “quattro ruote” di quelli che mancavano da un pezzo. E metteteci pure il fatto che abbiamo avuto l’onore di partecipare al primo rally italiano a bordo di vetture a zero emissioni… Mica roba da niente: “20quattro ore dei Laghi” è la competizione organizzata da Audi, nel fantastico scenario di Cortina d’Ampezzo, nota località delle Dolomiti, di cui il brand dei quattro anelli è partner dal 2018. La sinergia fra la sportività, insita nel DNA di Audi e la sostenibilità, ha dato vita a questa manifestazione che, per 24 ore consecutive, ha animato alcune fra le più spettacolari strade alpine.

24 equipaggi (noi di Icon Wheels abbiamo gareggiato per il Team 3) si sono alternati al volante di Audi Q4 e-tron e Audi RS e-tron GT, destreggiandosi fra prove di velocità, tempi di percorrenza con controlli orari e timbrature, imbattendosi anche in prove speciali sulle superfici ghiacciate dei laghi di Fedaia, Issengo e Pianozes, con il cambio gomme ad hoc per affrontare tracciati di questo tipo. Un totale di circa 900 chilometri percorsi dalle vetture, con il coinvolgimento di 7 passi alpini e oltre 10 mila curve.

Si è trattato di un rally sperimentale, in conformità al Codice sportivo Internazionale della F.I.A e sotto la lenta attenta dell’Automobile Club d’Italia, con un giudice unico delegato ACISPORT che ha redatto la classifica finale, in relazione ai controlli e alle prove dei singoli equipaggi.

Con Audi Q4 50e-tron, la prima compatta elettrica della Casa di Ingolstadt, abbiamo percorso la prima tappa in notturna di circa 130 Km, guidando sulle strade del passo del Giau, passando dal Pordoi e Falzarego. Una vettura da 299 CV con trazione integrale, con un’autonomia dichiarata di 487 Km (secondo il ciclo di omologazione WLTP) in cui abbiamo potuto testare, l’efficienza del sistema di recupero, la frenata elettroidraulica e la pompa di calore, che ci hanno aiutato a gestire i consumi di energia. Al termine delle circa tre ore e mezzo di percorso – con tappa anche al lago di Fedaia per effettuare la prova speciale – siamo rientrati a Cortina, dove la nostra Audi Q4 e-tron è stata ricaricata, per l’equipaggio successivo, in tempi brevi anche grazie ai rapidi rifornimenti in corrente continua fino a 125 kW, fino all’80% in poco meno di 40 minuti.

La mattina successiva il nostro equipaggio, che si avvalso e ha potuto contare sulla presenza e il prezioso supporto di un navigatore d’eccezione come Luca Cantamessa, pluri Campione italiano di rally, è partito alla volta dell’ultima tappa a bordo di Audi Rs e-tron GT, la vettura di serie più potente di sempre prodotta dalla Casa di Ingolstadt, con i suoi 646 CV erogati  dai due motori elettrici, dove ci siamo potuti pure divertire in occasione della prova speciale sul lago ghiacciato di Pianozes. La gran turismo tedesca a zero emissioni beneficia dell’ottimale ripartizione dei pesi (50:50 tra avantreno e retrotreno), del baricentro ribassato, degli ammortizzatori regolabili e della particolare comunicatività dello sterzo. Per ripristinare circa 100 Km di autonomia, in questo caso con corrente alternata fino a 270 kW, sono stati necessari circa 5 minuti.

Per dovere di cronaca, il Team 3, dopo una partenza piuttosto difficoltosa, è riuscito a chiudere la competizione in quarta posizione.

Da segnalare, come unico contrattempo nella lunga 24 ore di gara, tre dadi ruota danneggiati per colpa di un avvitatore difettoso.

tag
Audi