Eco

Audi: con EEbus punta alla domotica integrata

I membri del progetto EEBUS testeranno a Bruxelles quanto sviluppato sulla base del nuovo standard di comunicazione “aperto”

Audi partecipa attivamente al progetto EEBUS per la promozione di una rete di dialogo tra costruttori e industrie satellite. Tale iniziativa ha lo scopo di creare una comunicazione intrasettoriale per consentire, ad esempio, che all’interno di un edificio auto elettriche ed elettrodomestici, sistemi di climatizzazione e altre applicazioni, possano condividere e coordinare le esigenze di alimentazione, scongiurando i sovraccarichi; una condizione che richiede la connessione tra grandi fonti d’energia e utilizzatori, così da garantire una gestione intelligente dei fabbisogni.

Piattaforma HEMS

A tal proposito, Audi collabora con oltre 70 realtà internazionali per definire un linguaggio comune per la gestione energetica nell’Internet of things e durante il “Plugfest E-Mobility” presso lo stabilimento Audi di Bruxelles, i membri del progetto EEBUS testeranno quanto sviluppato sulla base del nuovo standard di comunicazione “aperto”. I dispositivi saranno connessi mediante piattaforma HEMS (home energy management system) di terze parti. Gli input confluiranno alla centrale di controllo che consentirà a tutti i dispositivi di condividere le informazioni in merito al fabbisogno energetico individuale.

Sistema connect e ricarica intelligente

Sono molteplici le soluzioni per ricaricare Audi e-tron nel garage di casa. Come soluzione di livello superiore, Audi propone (a richiesta) il sistema connect, disponibile nell’ultimo trimestre del 2019, che permette di operare fino a 22 kW. È così possibile ricaricare integralmente Audi e-tron in quattro ore e mezza. Il sistema connect permette di sfruttare la massima potenza consentita dall’impianto elettrico di casa e dall’auto, tenendo conto delle altre utenze collegate alla rete domestica ed evitando il sovraccarico dell’impianto. Grazie al sistema di ricarica connect e alla piattaforma HEMS, Audi e-tron beneficia della flessibilità delle tariffe dell’energia elettrica. Può, ad esempio, ricaricare la batteria nelle fasce orarie in cui l’energia costa meno, tenendo conto, al contempo, delle esigenze di mobilità del cliente.