Anteprime

Volkswagen annuncia la rivoluzione dei fari

di Junio Gulinelli -

I nuovi proiettori OLED con tecnologia micropixel a 30.000 punti luce saranno più sicuri e personalizzabili

L’illuminazione è diventato uno degli aspetti più in evoluzione nel mondo dell’auto. Le nuove tecnologie non solo puntano a una migliore visibilità, ma pretendono di mettere al centro dell’attenzione questo elemento dell’auto.

Volkswagen ce lo dimostra. La prossima generazione dei modelli della marca di Wolfsburg, possibilmente l’ottava Volkswagen Golf sarà una delle grandi candidate, inaugurerà una nuova generazione di luci basate sulla tecnologia LED e OLED, in grado di offrire personalizzazione e funzioni mai viste prima.

title
Credits: HD-LCD headlight

Il salto dalle classiche lampadine alogene e Xenon all’illuminazione LED ha permesso di esplorare nuovi terreni in materia di design, aspetto portato ulteriormente in avanti con l’introduzione della tecnologia OLED, che trasforma i fari in una specie di schermo, simile a quello dello smartphone.

Ora le Case automobilistiche – visto che la domanda del mercato richiede sempre più design e personalizzazione – vogliono andare oltre. La tecnologia micropixel ad alta definizione permette di creare gruppi ottici con 30.000 punti di luce diversi, con capacità di proiezione. Questo significa che le luci dell’auto potranno illuminare la strada in maniera più efficiente e sicura, oltre a proiettare informazioni, modificare il campo di visione e il colore per lanciare allarmi.

Allo stesso tempo i fari posteriori permetteranno di modificare il loro aspetto affinché il guidatore possa scegliere il design che più gradisce per gli stop, che tipo di sequenza apparirà attivando gli indicatori di direzione dinamici o che messaggio proiettare.

title
Credits: Optical Park Assist

Insomma, il potenziale di questa nuova tecnologia è praticamente infinito anche se Volkswagen ha annunciato di voler puntare soprattutto alle funzioni di assistenza alla guida e sicurezza. A Wolfsburg infatti già pensano ad un assistente al parcheggio in grado di proiettare linee virtuali al suolo, a sistemi di guida notturna che disegnano i limiti virtuali della carreggiata, allerte visuali che disegnano la distanza di sicurezza con il veicolo che precede, messaggi di allerta sui fari posteriori, etc.

Una vera rivoluzione dell’illuminazione stradale è alle porte.