Anteprime

Seat Leon: informazioni e foto inedite della quarta generazione

Debutterà domani sera a Martorell con la nuova piattaforma MQB Evo, un nuovo look, nuove tecnologie e motorizzazioni ibride

La Seat Leon 2020 è dietro l’angolo. La compatta spagnola che, con la terza serie arrivata nel 2012, diede una svolta al brand di Martorell, è pronta a compiere il salto generazionale.

La prima grande novità Seat nell’era post De Meo

La Quarta generazione della Seat Leon verrà svelata domani sera nella sede catalana del marchio e sarà la prima grande novità per Seat nell’era post De Meo. L’ex Ceo italiano del marchio spagnolo ha abbandonato infatti la nave poche settimane fa, probabilmente per passare alla guida di Renault (ancora non ufficiale). Ma la nuova hatchback iberica, possiamo dirlo, è anche l’eredità lasciata da De Meo, visto che è stata praticamente tutta sviluppata ancora sotto la sua guida.

Seat Leon 2020: basata sulla piattaforma MQB Evo

Fondamentalmente sarà un’evoluzione profonda dell’attuale Leon, visto che adotterà la stessa piattaforma, aggiornata e rinominata MQB Evo (del Gruppo Volkswagen, la stessa anche della nuova Golf 8 per intenderci).  Si tratta di un pianale che avrà un ruolo fondamentale nel passaggio all’elettrificazione, per tutti i brand del Gruppo di Wolfsburg, compresa la nuova Leon. Da qui la prima importante indiscrezione: l’arrivo, per la compatta di Casa Seat, di powertrain elettrificati con versioni micro ibride e plug-in. Ancora da verificare se, quest’ultime, saranno già presenti in gamma al lancio o se arriveranno in un secondo momento.

Familiare sì. Addio alla Leon tre porte

Molto probabilmente la nuova Seat Leon verrà riproposta ancora una volta anche nella versione familiare (station wagon) mentre dirà addio, quasi sicuramente, alla variante a tre porte. Il nuovo look, inoltre, dovrebbe ispirarsi al design innovativo della Seat Tarraco, anch’essa già declinata in un’inedita variante ibrida plug-in.

Nuovo sistema di infotainement e strumentazione digitale

Per quanto riguarda le dimensioni, la quarta generazione della Seat Leon crescerà leggermente, il che la renderà più spaziosa e confortevole all’interno dell’abitacolo. Quest’ultimo potrà godere di diversi elementi ereditati dalla cugina tedesca Volkswagen Golf 8, come ad esempio i due schermi digitali del sistema di infotainment e del quadro strumenti. 

Sarà pure strettamente imparentata alla nuova Golf, ma la Seat Leon 2020 potrà vantarsi di essere anche un prodotto ‘made in spain’ visto che è stata sviluppata e disegnata a Barcellona, nel Centro Tecnico di Seat a Martorell. Proprio qui verrà anche prodotta, smentendo alcuni rumors che indicavano un trasferimento degli impianti industriali a Landaben, in Navarra, a seguito delle problematiche politiche catalane legate all’indipendentismo.

Nuova Seat Leon: diesel, GNC e PHEV. Tutte le motorizzazioni possibili

Rispetto ai motori della Leon 2020, oltre all’attesa versione ibrida plug-in, la lista di opzioni potrà contare su varianti a benzina, diesel e GNC (gas naturale compresso). Le potenza andranno dai 90 ai 150 CV. In sostanza la gamma motori della nuova generazione Leon dovrebbe ricalcare quella della gemella diversa Golf.

– Seat Leon a Benzina: TSI da 110, 130 e 150 CV

– Seat Leon Diesel: monterà l’ultima versione del 2.0 TDI Evo da 115 e 150 CV

– Seat Leon bifuel: Benzina/GNC

– Seat Leon ibrida plug-in

– Seat Leon mild-hybrid con tecnologia a 48 volt

Le rivali della nuova Seat Leon

Sulla carta, insomma, la Seat Leon di quarta generazione ha tutti i numeri per continuare a svolgere il ruolo di uno dei pilastri pi importanti della marca spagnola. Ma attenzione, perché dovrà vedersela con rivali di tutto rispetto: