Anteprime

Nuova Renault Captur: la piccola SUV francese è cresciuta

di Marco Coletto -

Renault ha svelato le foto e i dati della nuova Captur: la seconda generazione della piccola SUV francese è più grande, più spaziosa e più matura di prima

La Renault Captur è cresciuta: la seconda generazione della piccola SUV francese è infatti più grande, più spaziosa e più matura di prima.

Nuova Renault Captur: le dimensioni

La nuova Renault Captur è più lunga di 11 cm rispetto alla serie precedente (4,23 metri) e ha un passo cresciuto di 2 cm (2,63 metri).

Dotata, come la prima generazione, di sedili posteriori scorrevoli (per 16 cm), può vantare un bagagliaio ampio: fino a 536 litri in configurazione cinque posti e un vano quasi piatto lungo 1,57 metri quando si abbattono i posti dietro.

title

Renault Captur: cinque motori al lancio

La gamma motori al lancio della Renault Captur comprende cinque unità sovralimentate: tre TCe a benzina (1.0 tre cilindri da 100 CV e 1.3 da 130 e 155 CV) e due 1.5 diesel Blue dCi da 95 e 115 CV.

title

La prima Renault ibrida plug-in

Nel 2020 la Captur E-TECH Plug-in sarà la prima Renault ibrida plug-in (ossia ricaricabile attraverso una presa di corrente) di sempre.

Dotata di un motore 1.6 a benzina affiancato da due unità elettriche e abbinato a una batteria da 9,8 kWh e a un caricatore compatibile Mode 2 per le prese domestiche e Mode 3 per le stazioni di ricarica, promette un’autonomia di 45 km a emissioni zero (fino a una velocità massima di 135 km/h).

title

Renault Captur: design e tecnologia

La seconda generazione della Renault Captur ha un look ancora più da SUV (specialmente se si opta per le barre da tetto laterali, optional). 90 abbinamenti possibili grazie alle 10 tinte per la carrozzeria, alle quattro per il tetto (di cui tre nuove) e ai tre pack di personalizzazioni esterne, fari full LED di serie su tutta la gamma (come sulla nuova Clio) e cerchi in lega fino a 18”.

Negli interni – più spaziosi per i passeggeri posteriori e con sedili più comodi grazie alla forma più avvolgente e alla seduta allungata di 1,5 cm –
spiccano la consolle centrale leggermente orientata verso il conducente impreziosita da un tablet verticale (fino a 9,3”) e da una scenografica parte inferiore sospesa. Da non sottovalutare, inoltre, il cruscotto digitale fino a 10,2”, il retrovisore interno senza cornice, il freno di stazionamento elettrico automatico e il bracciolo centrale dotato di due prese USB e di una presa da 12V per i passeggeri posteriori.

La tecnologia Renault Multi-Sense (disponibile per la prima volta sulla Captur) prevede tre modalità: Eco (per ridurre i consumi e le emissioni di CO2), Sport (per un maggiore piacere di guida) e MySense per personalizzare l’esperienza. Ultimo, ma non meno importante, il sistema audio Bose con nove altoparlanti anziché sette (due tweeter in più nei pannelli delle porte posteriori) e un subwoofer compatto inedito integrato nel rivestimento laterale a sinistra del vano bagagli che sfrutta condutture integrate nella struttura del veicolo.

title

Nuova Renault Captur: guida (quasi) da sola

Il pacchetto Highway and Traffic Jam Companion – disponibile sulle versioni 1.3 TCe con cambio automatico e sulla variante ibrida plug-in della nuova Renault Captur – è attivo da 0 a 160 km/h e unisce il cruise control adattivo con Stop & Go e il mantenimento di corsia.