Anteprime

McLaren Elva: la quarta Ultimate Series

La Casa inglese svela a sorpresa una nuova speedster che verrà prodotta in serie limitata

La McLaren Elva è l’ultima sorpresa della Casa di Woking svelata oggi. Si tratta di una speedster ad alte prestazioni che verrà prodotta in una serie limitata di 399 esemplari e che farà parte della McLaren Ultimate Series (P1, Senna e Speedtail).

Un’auto speciale, a dir poco, il cui nome fa omaggio alle McLaren Elva da gara disegnate da Bruce McLaren negli Anni ’60 e che presero parte a competizioni come la IMSA statunitense. Se è possibile il confronto, rappresenta un’alternativa esclusivissima, per pochi, alla Ferrari Monza SP1.

Look unico ed esclusivo

Esteticamente soltanto i gruppi ottici anteriori sono riconducibili al linguaggio stilistico delle McLaren stradali che ben conosciamo, tutto il resto è esclusivo con una silhouette completamente inedita. Le superfici tese esprimono forme organiche che fluiscono verso un posteriore tanto compatto quanto elegante, con tubi di scarico in posizione centrale. Spiccano poi anche le originali prese d’aria del motore o le gobbe dietro ai due posti dei passeggeri.

Abitacolo minimalista

Anche all’interno la nuova McLaren Elva è tanto speciale quanto esclusiva. Priva di parabrezza, regala una sensazione unica di guida a cielo aperto, i sedili sono in fibra di carbonio innestati direttamente nella monoscocca, con una console centrale dominata da uno schermo flottante che fa da interfaccia al sistema di infotainment. L’ambiente dell’abitacolo è minimalista, con pochi pulsanti e un volante semplice ma sportivo.

Un dettaglio degno di nota è il sistema Active Air Management System (AAMS), disegnato per proteggere i passeggeri dal vento. Questa tecnologia canalizza i flussi d’aria che entrano dalla parte frontale e da quella inferiore, indirizzandoli verso una griglia montata sul cofano che li rimbalza direttamente sopra all’abitacolo, formando una bolla di relativa calma per i passeggeri. L’AAMS fa parte del complesso sistema di aerodinamica attiva che gioca un ruolo fondamentale sia nella dinamica della nuova supercar inglese che sul raffreddamento della meccanica dei freni.

Oltre 800 CV a cielo aperto

Il V8 da 4.0 litri ha infatti bisogno di ‘respirare’ al meglio per ottimizzare le sue prestazioni. Eroga una potenza di 815 CV e permette alla Elva di scattare da 0 a 100 km/h in 3 secondi netti (6,7 secondi per raggiungere i 200 km/h). Più veloce anche di una McLaren Senna. Il peso dovrebbe aggirarsi attorno ai mille kg e sia fuori che dentro sarà altamente personalizzabile attraverso l’esperienza e il servizio ai clienti fornito dal dipartimento MSO di McLaren. Il prezzo è ovviamente stellare: 1,69 milioni di euro.