Anteprime

Land Rover Defender: ci sarà anche la SVR?

Secondo le indiscrezioni la nuova fuoristrada inglese potrebbe declinarsi in un'inedita versione racing motorizzata BMW

La nuova Land Rover Defender è già in vendita sulla maggior parte dei mercati europei. Per molti la rinascita dell’iconica fuoristrada inglese rappresenta un nuova era per la gamma, ancora più ambiziosa della sua antenata sotto tutti gli aspetti, specialmente per quel che riguarda il suo bagaglio tecnologico.

Ma la gamma della nuova Land Rover Defender non è ancora al completo. Mancano le versioni più ‘ludiche’ con il tetto in tela e con gli ultimi montanti estraibili, così come una variante con il passo più lungo, denominata ‘Defender 130’. Ma in Land Rover sembra che abbiano in cantiere anche una versione sportiva con la sigla SVR.

Con questa inedita variante arrabbiata del Defender, La Casa inglese intenderebbe dar battaglia alla Mercedes-AMG G 63 4Matic, pur sapendo che si tratterà di un mercato di nicchia. Una dimostrazione di forza, insomma.

Primo contatto

Mercedes G 63 AMG: fuoristrada racing

Abbiamo guidato - per poco tempo, purtroppo - la Mercedes G 63 AMG: la variante più estrema (nonché, curiosamente, la più venduta) della seconda generazione della classe G è una fuoristrada dura e pura con prestazioni da supercar

Sotto il cofano la Land Rover Defender SVR potrebbe essere la prima del consorzio JLR a montare un propulsore di origine BMW, uno dei primi frutti dell’accordo firmato con la Casa bavarese, che si concretizzerà a pieno con la quinta generazione della Range Rover.

Nel Caso del Defender SVR le indiscrezioni – nonostante non ci siano ancora conferme ufficiali – puntano sul V8 da 4.4L biturbo della marca tedesca, che già spinge le versioni M50i o le nuove M850i e X5 M, con una potenza che non sarà inferiore ai 500 CV.