Anteprime

Ferrari elettrica: i brevetti svelano i primi dettagli

La prima supercar di Maranello a zero emissioni è ancora lontana, ma trapelano le prime indiscrezioni

Anche se senza far troppo rumore, Ferrari starebbe pian piano soccombendo alle tendenze che segnano attualmente il destino del mercato auto: l’elettrificazione e i SUV. Nel 2018 la Ferrari Purosangue si faceva vedere anticipando quella che sarà la prima rossa di Maranello a ruote alte. L’anno scorso, invece, il Cavallino rampante abbracciava la tecnologia ibrida con la Ferrari SF90 Stradale e ora sappiamo che a Modena starebbero già lavorando alla futura Ferrari elettrica. 

Ferrari elettrica: avrà quattro motori elettrici indipendenti, uno per ogni ruota

title

Anche se i dati, ad ora, sono scarsi, il forum Taycan EV ha diffuso le immagini di una richiesta di patente della Casa italiana registrata all’European Patent Office che svela un dettaglio della prima super sportiva di Maranello zero emissioni: avrà quattro motori elettrici, uno per ogni ruota, e la trazione, di conseguenza, sarà integrale. In attesa di una descrizione esatte del documento svelato, la patente svela che si tratta di:

un veicolo da strada con powertrain elettrico che comprende quattro ruote motrici e quattro motori elettrici reversibili, ognuno dei quali è completamente indipendente ed ha un asse direttamente connesso a una tra motrice corrispondente.

Sarebbe a dire, oltre all’eccezionale comportamento dinamico che si prevede, dovuto alla distribuzione ideale dei pesi, il fatto che ogni ruota riceva la quantità di potenza necessaria in ogni momento, permetterà una distribuzione della coppia praticamente perfetta. Sebbene queste prime indiscrezioni lasciano pensare a un modello completamente libero da emissioni, il testo annesso lascia comunque la porta aperta a un modello potenzialmente ibrido.

La prima Ferrari elettrica o un’altra ibrida?

title


Questo perché si parla si un disegno che permette la possibilità di ospitare una configurazione mista, fa cioè riferimento ad un’aerea tra l’asse posteriore e i sedili in cui “potrebbero essere alloggiati una batteria o un motore termico”. Per il momento è ancora difficile trarre delle conclusioni sulla prima Ferrari elettrica della storia ma ciò che sembra chiaro con questa indiscrezione è che a Maranello stanno portando avanti un serio piano per la riduzione delle emissioni della gamma, con l’obiettivo di arrivare ad offrire, entro il 2020, il 60% di modelli ibridi. In ogni caso sembra che per vedere la prima Ferrari elettrica su strada bisognerà attendere qualche anno, visto che non arriverà prima del 2025

title