Anteprime

Presentata la nuova Dallara Stradale

855 Kg per 400 CV. È la prima sportiva omologata per l'uso su strada del Costruttore italiano

Qualsiasi appassionato di motori che si rispetti conosce bene il nome Dallara. Il leggendario costruttore italiano di auto da competizione (che ha realizzato il chassis di piccole sportive leggere del calibro di Alfa Romeo 4C e KTM X-Bow) ha presentato in questi giorni la sua prima sportiva stradale.

La Dallara Stradale – questo è il suo nome – passerà dunque alla storia come prima sportiva omologata per l’uso su strada dell’Ingegner Gianpaolo Dallara. Di fatto questo progetto ha tardato ben due decadi per materializzarsi in 600 unità che verranno prodotte nei prossimi 5 anni.

Tutta in carbonio

Nello specifico la nuova Dallara Stradale è una biposto in stile “barchetta” che, nella versione di base, mantiene uno stile scarno, senza portiere e senza parabrezza. Volendo, però, la si può ordinare con optional che la rendono pi umana come il parabrezza, le portiere con apertura ad ali di gabbiano, un tetto di tipo Targa e un alettone posteriore in grado di generare fino a 820 kg di downforce alla velocità massima.

Peso e dimensioni

Lunga 4.158 mm, larga 1.875 mm e alta solo 1.041 mm, la Dallara Stradale ha un passo di 2.475 mm ed è sviluppata attorno ad una monoscocca in fibra di carbonio con frames in alluminio e sospensioni a quadrilatero articolato a triangoli sovrapposti. Sempre in carbonio è realizzata anche l’intera carrozzeria, per un peso totale (a secco) di 855 kg.

Prestazioni

Con questa cifra in testa, va poi tenuto presente che il 4 cilindri da 2,3 litri – di origine Ford – è in grado di erogare 400 CV a 6.200 giri/min e 500 Nm tra i 3.000 e i 5.000 giri/min. E per finire le prestazioni: la Dallara Stradale dichiara uno sprint da 0 a 100 km/h in 3,25 secondi e una velocità massima di 280 km/h.

Archivio

Dallara, 40 anni di successi

L'azienda parmense specializzata nel motorsport è più conosciuta all'estero che in Italia