Anteprime

Bentley Flying Spur, capolavoro artigianale: tutti i segreti dell’abitacolo

Pelli iper-pregiate, chilometri di filo per le cuciture, ore e ore di lavoro di artigiani appositamente formati. Così nasce una delle auto più lussuose al mondo

La terza generazione della gran turismo di lusso di Casa Bentley, la nuova Flying Spur, sarà ricordata nella storia del marchio di Crewe come la più lussuosa e raffinata di sempre. L’ammiraglia inglese si rinnova e alza gli standard di qualità, già di per sé lussuosi, adottando soluzioni artigianali uniche nel loro genere e abbinandole a tecnologie di ultimissima generazione. Sofisticata come non mai, insomma, e secondo Bentley “la più lussuosa al mondo”. Per apprezzare  profondamente la nuova Bentley Flying Spur bisogna conoscerne tutti i dettagli, soprattutto quelli che riguardano l’abitacolo. Una vera e propria opera d’arte.

Non solo semplice pelle… 3 km di filo per le cuciture

I 350 pezzi di pelle che rivestono l’abitacolo sono ornati con 60 componenti realizzati su misura e creati con ben 3 chilometri di filo, tessuto e lavorati a mano da 141 artigiani Bentley. Questi ultimi sono stati formati appositamente dalla Casa inglese per questo progetto con cinque mesi di Master Training per garantire il massimo livello di professionalità nella lavorazione. Bentley ci tiene inoltre a precisare che ogni tipo di pelle, accuratamente selezionato, utilizzato per l’abitacolo della nuova Flying Spur proviene dall’industria sostenibile del settore alimentare del Nord Europa. 14 sono invece le colorazioni proposte per tingere il cuoio, abbinabili a 24 diverse tonalità per le cuciture a contrasto.

Il volante, fiore all’occhiello dell’abitacolo

Proprio il volante della Flying Spur è l’elemento più sofisticato artigianalmente parlando, visto che il punto croce attraverso cui è stato rivestito, prevede l’utilizzo di ben 5 metri di filo che passa attraverso 352 fori ottenendo così 168 punti croce distintivi. Per creare, rigorosamente a mano, un solo volante gli artigiani Bentley impiegano 3 ore e mezza di lavoro. I rivestimenti della cabina, inoltre, vengono assemblati con 5 diversi tipi di macchine da cucire che tessono fili di diversi spessori. Nelle zone attorno agli airbag, ad esempio, vengono usati fili più sottili per garantire il massimo della sicurezza.

12 ore di lavoro solo per un sedile

Secondo Bentley, ineguagliabili per il loro comfort, i quattro sedili della Flying Spur richiedono un totale di 12 ore per essere assemblati a mano e il dettaglio che li distingue, ovvero i poggiatesta con i loro ricami, è composto da 5.103 punti… Gli inserti per i pannelli elle portiere in pelle trapuntata a diamante tridimensionale, infine, si ispirano alla concept car EXP 10 Speed 6.