Moto News

Il Motor Bike Expo rappresenta in Italia l’Africa Eco Race 2019

Da Veronafiere, sabato 22 dicembre, partirà l'undicesima edizione del celebre rally raid africano. Picco e Botturi i due piloti

Partirà da Veronafiere, sabato 22 dicembre dalle 14.30, l’undicesima edizione dell’Africa Eco Race 2019, l’unico rally raid che nel mese di gennaio attraversa Marocco, Mauritania e Senegal, attraverso alcuni dei deserti più belli del mondo. La partenza vera e propria della competizione è fissata però per il 30 dicembre, dal Principato di Monaco; poi la carovana raggiungerà Sète per imbarcarsi con destinazione Africa. La pre-partenza di Verona è un’occasione creata da Motor Bike Expo per radunare tutti i protagonisti italiani della manifestazione, far fare loro passerella, consentire agli appassionati di avvicinarli, conoscerli, trasmettere loro il proprio incoraggiamento.

Piloti di rilievo per l’evento che prevede 12 giorni di gara e 6.500 km totali

I concorrenti dovranno affrontare dodici giorni di gara vera, lungo un percorso di 6.500 chilometri, di cui 4.500 di prove speciali, con arrivo, il 13 gennaio, al leggendario Lago Rosa, in Senegal. L’itinerario proporrà alcuni passaggi inediti rispetto agli anni precedenti, sia sulle piste marocchine sia sulle dune del deserto della Mauritania. A rappresentare in Italia l’Africa Eco Race è il Motor Bike Expo, popolarissimo salone internazionale della moto che il 17 gennaio 2019 aprirà i battenti per una nuova edizione, sempre nel quartiere fieristico veronese. A creare l’atmosfera del rally saranno soprattutto i piloti (con i propri mezzi, moto, auto e camion, preparati per la maratona), a cominciare da due campionissimi che, in Africa, porteranno le insegne di Motor Bike Expo. Stiamo parlando del leggendario Franco Picco, vicentino, 63 anni, già campione di motocross, vincitore di due Rally dei Faraoni, due volte secondo alla Parigi – Dakar, decimo all’Africa Eco Race 2018, e di Alessandro Botturi, campione di enduro e rally, che debutterà in questa competizione, dopo numerose esperienze alla Dakar, vestendo subito i panni del favorito.