Moto

Il Gruppo Piaggio incentiva la sostituzione di vecchi scooter

di Francesco Irace -

Sconti a chi sostituisce veicoli Euro 0 e Euro 1

Con la primavera alle porte il Gruppo Piaggio stuzzica l’appetito di coloro che vorrebbero acquistare uno scooter, lanciando un’interessante campagna promozionale.

Con le restrizioni alla circolazione per motocicli e ciclomotori in vigore da tempo nelle città italiane, migliaia di scooteristi rischiano di trovarsi con un veicolo non più utilizzabile, totalmente privo di valore commerciale e che non beneficia di alcun tipo di incentivo statale per la sua sostituzione.

Da 500 a 750 euro di sconto per chi sostituisce un Euro 0 o Euro 1

A tal proposito il Gruppo Piaggio ha definito un proprio piano di incentivi che – nel corso del mese di marzo – giunge in aiuto di chi abbia intenzione di cambiare il suo vecchio due ruote con un veicolo tecnologicamente avanzato, affidabile, sicuro, e rispettoso dei più severi standard contro le emissioni inquinanti.

Grazie a questa iniziativa di incentivazione, illustrata nel dettaglio dal sito del Gruppo Piaggio “sepotessecircolare.com”, sino al 31 marzo i clienti potranno beneficiare – a fronte della sostituzione di un vecchio veicolo Euro 0 o Euro 1 – di un contributo da 500 a 750 euro a seconda del nuovo veicolo acquistato.

Offerta valida su Mp3, Beverly e Scarabeo

L’offerta del Gruppo Piaggio è valida su autentici best seller del mercato italiano ed europeo, quale l’intera gamma di Piaggio Mp3, il rivoluzionario scooter a tre ruote che ha stabilito nuovi standard di sicurezza e divertimento nella guida, o lo scooter GT a ruote alte Piaggio Beverly nelle diverse cilindrate da 125 a 350cc, o la gamma dei modelli “targati” (100, 125 e 200cc) della famiglia Scarabeo.

Giusto qualche dato

Per quanto riguarda il mondo delle “due ruote”, in Italia – secondo i dati di Confindustria Ancma – al 2013 esiste un parco circolante di circa 8.600.000 due ruote complessive (ciclomotori, scooter e motocicli). Poco meno della metà di questo parco circolante, circa quattro milioni di veicoli, è composto da “due ruote” Euro 0 o Euro 1.

Ipotizzando la completa sostituzione di questi veicoli con altrettanti ciclomotori, moto e scooter rispondenti alle più severe normative attuali, la circolazione delle “due ruote” in Italia genererebbe il 34% in meno di emissioni di CO2 (anidride carbonica) e il 35% in meno di emissioni di HC+NOx (idrocarburi incombusti e ossidi di azoto).

Archivio

Vespa Primavera, la nostra prova su strada

Il nostro test tra le strade di Barcellona

Archivio

Le fasi di realizzazione della nuova Vespa Primavera in un video ufficiale

Tutti i passaggi che hanno portato alla realizzazione della nuova Primavera