Info Utili

Trapasso moto e scooter: cosa serve e quanto costa?

Qual è la procedura utile per il passaggio di proprietà di una moto o di uno scooter: quali documenti servono e quali spese bisogna sostenere

In questo articolo cerchiamo di spiegare quali sono tutte le informazioni utili da sapere per il passaggio di proprietà di una moto o uno scooter usati, quindi quali documenti servono, la procedura e i costi a cui si va incontro. Sottolineiamo che si può procedere in autonomia oppure affidarsi allo sportello telematico di una delegazione ACI o a un’agenzia di pratiche auto. Attenzione: di seguito leggerai tutte le informazioni relative al passaggio di proprietà di auto e moto, ma non di ciclomotori (fino a 50 cm³ di cilindrata e velocità massima 45 km/h).

La procedura per il passaggio di proprietà di una moto o di uno scooter

Come bisogna procedere:

  • chi compra scooter o moto usati deve autenticare la firma del venditore sull’atto di vendita;
  • entro 60 giorni dall’autentica bisogna registrare il passaggio di proprietà alla sede locale ACI-PRA, che rilascia il certificato di proprietà digitale aggiornato;
  • bisogna anche richiedere l’aggiornamento della carta di circolazione all’ufficio provinciale della Motorizzazione Civile.

Attenzione: quando si autentica la firma del venditore sull’atto di vendita allo Sportello Telematico dell’Automobilista (STA) bisogna chiedere anche la registrazione del passaggio di proprietà.

I documenti utili per il passaggio di proprietà di una moto o di uno scooter

Solo l’acquirente o un suo incaricato con delega possono richiedere la registrazione del passaggio di proprietà di una moto. Cosa serve:

  • certificato di proprietà;
  • atto di vendita della moto o dello scooter;
  • carta di circolazione e fotocopia;
  • nota di presentazione al PRA con codice fiscale dell’acquirente annotato, usando il retro del certificato di proprietà o il modello NP3C, in doppio originale;
  • fotocopia di un documento di identità del compratore;
  • modulo TT2119 di richiesta d’aggiornamento della carta di circolazione;
  • dichiarazione sostitutiva resa dal legale rappresentante per se l’acquirente è una persona giuridica.

Se chi compra la moto è un cittadino extracomunitario residente in Italia o è un familiare extracomunitario di un cittadino dell’Unione Europea residente in Italia, allora sono previste ulteriori disposizioni e documentazione supplementare.

I costi previsti per il passaggio di proprietà di una moto o di uno scooter usati

Vediamo di seguito quali sono le spese da sostenere per il passaggio di proprietà di una moto o di uno scooter per cui si dispone del certificato di proprietà:

  • emolumenti ACI: 27 euro;
  • imposta di bollo per registrazione al PRA: 32 euro con il certificato di proprietà, 48 euro invece se si usa il modello NP3C;
  • diritti DT: 10,20 euro;
  • imposta provinciale di trascrizione: l’importo non è fisso ma cambia in base alla provincia di residenza e alla tipologia di moto o scooter;
  • imposta di bollo per aggiornamento carta di circolazione: 16 euro.

Se passano più di 60 giorni dall’autentica della firma del venditore è comunque possibile fare la richiesta del passaggio di proprietà, ma vengono applicati gli interessi legali e una mora per il ritardo pari al 30% in più dell’imposta provinciale di trascrizione.

Il pagamento per chi decide di svolgere l’intera procedura autonomamente può essere fatto direttamente allo sportello di uno STA dell’ACI-PRA, in contanti o bancomat. Chi si appoggia a uno STA della Motorizzazione Civile, deve prima pagare con i bollettini precompilati (distribuiti dalla Motorizzazione) agli uffici postali e poi consegnare allo sportello le ricevute di versamento.

tag
moto