Info Utili

Telepass europeo, tutti gli Stati in cui è valido e come funziona

Il Telepass che viene usato in Italia può essere utilizzato anche per pagare in pedaggio in altri Paesi europei, come funziona

Il Telepass europeo permette di viaggiare sulle autostrade di alcuni Paesi d’Europa senza dover fare la fila al casello e usando lo stesso dispositivo che viene adoperato per pagare il pedaggio in Italia. Ma quando lo possiamo usare? Vediamo insieme i casi.

Telepass europeo: dove posso utilizzarlo

La società Telepass, per dare la possibilità agli utenti di usare il dispositivo anche in altri Paesi, ha dovuto chiaramente fare degli accordi con le società di gestione delle autostrade all’estero. I Paesi che hanno aderito al momento sono Italia, Francia, Spagna e Portogallo, dove quindi si può usare un unico apparecchio per pagare il pedaggio.

Il Telepass europeo è valido sia per i privati che per i professionisti che lavorano per società di autotrasporti. Oltre ad avere così sempre la possibilità di non fare code ai caselli, con questo strumento è possibile anche accedere e pagare i parcheggi e le aree aeroportuali.

Quanto costa il Telepass europeo

Se già usi il Telepass in Italia, sai che si tratta di un dispositivo che viene fornito agli utenti e che deve essere posizionato in auto, dove previsto per il corretto funzionamento. Il Telepass non viene acquistato, ma viene ceduto in uso dalla società e quindi per il suo utilizzo deve essere pagato un canone mensile fisso, che cambia a seconda della tipologia di “abbonamento” scelto.

Il Telepass è collegato alla targa dell’auto e ad un conto corrente, quando avviene quindi il passaggio al varco autostradale, viene registrata la targa e viene addebitato il pedaggio autostradale sulla carta di credito o appunto sul conto corrente dell’utente.

Anche il Telepass “internazionale” funziona praticamente in questo modo, si paga una quota iniziale per l’attivazione e poi un canone di abbonamento, ovviamente si aggiungono le tariffe dei pedaggi. I costi nel dettaglio sono i seguenti:

  • abbonamento mensile aggiuntivo per l’Europa: 2,40 euro;
  • costo di attivazione: 6,00 euro;
  • pedaggio: in base alla tariffa del Paese di riferimento e alla società di gestione autostradale.

L’abbonamento funziona in maniera differente in base al Paese che attraversi, quindi si deve continuare a pagare quello che normalmente viene versato in Italia e poi a seconda del Paese attraversato vengono aggiunti 2.40 euro al mese per Stato.

Facciamo chiarezza: il canone di 2.40 euro viene pagato quindi ogni volta che si passa un varco autostradale di un Paese diverso dall’Italia. Nel momento che si passa dall’Italia alla Francia si paga il canone e vale un mese. Se poi si attraversa la Francia e si entra in Spagna, allora si pagano altri 2.40 euro che valgono sempre un mese. Questo abbonamento “europeo” si versa solo nei mesi in cui si attraversano i varchi esteri. Nei mesi in cui non ci si reca in alcun Paese al di fuori dell’Italia, allora non viene addebitata alcuna cifra ulteriore, se non il canone base e i pedaggi per le autostrade italiane; l’abbonamento quindi si paga se e solo quando si usa.

Il Portogallo è un caso particolare e gestisce le proprie autostrade in un modo del tutto autonomo e singolare; per quanto riguarda il Telepass europeo la condizione in questo Stato è favorevole, infatti viene considerato facente parte della Penisola Iberica insieme alla Spagna, quando si passa quindi il confine spagnolo per entrare in Portogallo non si paga nulla, non vengono addebitati i 2.40 euro di abbonamento Telepass europeo previsto negli altri Paesi.

tag
telepass