Info Utili

Esistono dei modi per sapere se una multa è in arrivo?

Capita di avere il dubbio di aver preso una multa in auto, è possibile scoprirlo prima che arrivi a casa? Vediamolo insieme

Sappiamo tutti che quando si prende una multa che non viene consegnata nel momento stesso in cui l’automobilista commette l’infrazione, la stessa arriva a casa per posta, con raccomandata. Si riceve infatti la famosa e tanto temuta raccomandata verde degli atti giudiziari, e quindi si deve pagare la somma prevista, a seconda dell’articolo del Codice della Strada che è stato infranto con il proprio comportamento alla guida. Una cosa che non tutti sanno però è: si ha la possibilità di sapere prima se una multa è stata presa davvero? A volte sorge il dubbio. E a questo proposito, vediamo cosa dobbiamo sapere.

Si può verificare di aver preso una multa online?

Se vogliamo assicurarci di avere o non aver preso una multa in anticipo, quindi prima che ci arrivi direttamente a casa la notifica, è importante sottolineare che non è possibile. Non si può fare questa verifica su un sito web apposito e nemmeno chiedendo direttamente alla Polizia o guardando sul portale ufficiale delle autorità. Insomma, è un’informazione che non si può sapere prima di ricevere la notifica a casa, quindi bisogna semplicemente aspettare (e sperare che non arrivi nulla per posta).

Ci sono siti web su cui è possibile solo avere informazioni su multe che sono già state ricevute, accedendo direttamente proprio alla sezione dedicata a multe e sanzioni e seguendo le procedure che vengono indicate. L’unica cosa che è possibile vedere online, è il fotogramma dell’infrazione, direttamente sul sito dell’organo che ha accertato la multa. Non tutti gli enti garantiscono questo servizio e comunque, quando è possibile fare la suddetta consultazione, lo si trova scritto direttamente sul verbale.

Basta entrare nel portale web indicato e seguire le istruzioni che vengono riportate sulla multa stessa, inserendo il numero del verbale, la serie (es. ‘R’ per passaggio con semaforo rosso, ‘T’ per circolazione in ZTL, ecc…), il numero di protocollo e la targa del veicolo multato. Solo così è possibile vedere tutti gli estremi del verbale, luogo, data e ora in cui l’utente ha preso la multa e il video o la foto dell’infrazione commessa (autovelox, telecamere ai semafori).

Multa notificata a casa: quando pagarla

La multa che arriva a casa, ma anche quella notificata immediatamente, può essere pagata entro 60 giorni. Se si versa la somma dovuta invece entro 5 giorni, si usufruisce di uno sconto del 30% sull’importo totale del verbale.

E se non pago la multa?

Se l’automobilista non paga nemmeno una volta trascorsi i 60 giorni, allora l’ente titolare del credito delega l’Agenzia delle Entrate Riscossione per il recupero del credito. Al soggetto che ha commesso l’infrazione viene notificata nuovamente la multa, con una maggiorazione semestrale del 10% (si pagano anche le spese relative alla cartella e all’invio).

Se comunque il trasgressore non paga, allora:

  • nel primo caso l’ente titolare del credito può procedere al fermo auto; entro 30 giorni l’automobilista può pagare la multa e quindi tornare a circolare liberamente. Ha altrimenti la possibilità di chiedere la rateizzazione della somma dovuta oppure anche presentare documenti in grado di dimostrare che l’auto sia indispensabile per svolgere il proprio lavoro;
  • l’ente titolare del credito può altrimenti pignorare beni fino a raggiungere la somma dovuta (in genere procede prelevando un quinto dello stipendio o della pensione del soggetto che ha commesso l’infrazione e non paga).
tag
Multe