Info Utili

Rc Auto, come fare in caso di sinistro se si usa il car sharing

Il car sharing è un'opzione molto usata oggi, soprattutto nelle grandi città: di cosa si tratta e cosa fare se si rimane coinvolti in un incidente

Il car sharing è l’idea che piace sempre di più agli italiani, una soluzione pratica, ecologica e innovativa che sta prendendo piede sempre più nelle nostre città. Sono più di mezzo milione gli utenti interessati a questa speciale formula, conveniente soprattutto per chi vive e lavora nelle grandi città e può quindi utilizzare la macchina solo quando gli serve e pagando il giusto.

Un mezzo sicuramente ecologico, e coi tempi che corrono non guasta, e molto comodo, oltre che semplice da usare. Basta infatti prenotare l’auto, guidarla, e lasciarla parcheggiata dove interessa. Una cosa a cui fare attenzione però c’è, ed è il caso di alcune situazione difficili da gestire, come ad esempio la possibilità di rimanere coinvolti in un incidente stradale. Vediamo come bisogna comportarsi.

Car sharing: cosa fare in caso di sinistro stradale

La prima cosa da fare in questa situazione, sia se la colpa è tua, sia che ti sia venuto addosso un altro veicolo, è chiamare il servizio clienti della società di car sharing e denunciare l’accaduto. A questo punto è necessario che ti informi per capire come devi muoverti. L’operatore chiederà il luogo esatto dell’incidente e potrebbe addirittura raggiungerti.

Il primo passaggio suggerito dal call center è senza dubbio compilare il modulo della constatazione amichevole, che deve essere obbligatoriamente lasciato dalla compagnia nel vano portaoggetti della macchina. La maggior parte dei contratti delle società di car sharing prevede che la dinamica di qualsiasi tipologia di incidente debba essere accertata con il verbale delle Forze dell’Ordine. Se al telefono quindi ti consigliano di procedere in questo modo e/o non sei d’accordo con la controparte sulle dinamiche del sinistro, chiama la Polizia e non spostare i mezzi per nessuna ragione, anche se sono di ostacolo al traffico.

Car sharing e incidente: a chi consegnare constatazione amichevole o verbale

Quando hai compilato il modulo di constatazione amichevole oppure una volta redatto il verbale da parte delle Forze dell’Ordine intervenute, è necessario consegnare i documenti all’operatore della società di car sharing (se nel frattempo è giunto sul posto) oppure trasmetterlo all’agenzia entro pochi giorni, pena l’addebito del costo dei danni provocati all’auto. Nel caso in cui la vettura non può riprendere a circolare a causa del sinistro, il call center termina direttamente il noleggio. Per poter invece eventualmente ripartire, quando possibile, serve sempre e comunque l’autorizzazione della compagnia.

Anche se sei stato tu a causare l’incidente, una cosa positiva c’è: non grava su di te il malus, ovvero non retrocedi nella classe di merito dell’Rc Auto (cosa che avviene se l’auto e la polizza sono intestate a te). La compagnia assicurativa della società di car sharing si fa carico dei danni all’auto (in alcuni casi è prevista una franchigia). L’assicurazione potrebbe rivalersi nei tuoi confronti se il tuo comportamento alla guida viene dimostrato scorretto, come ad esempio per stato di ebbrezza o simili.

Car sharing: cosa faccio se buco una gomma o prendo una multa?

In caso di foratura o di danno all’auto in car sharing, chiama il call center della compagnia, segnala la tua posizione e attendi che l’operatore ti raggiunga per risolvere il problema. Se invece viene notificata una multa alla società di car sharing, questa risale al guidatore e gli manda la sanzione. Chi ha preso la multa deve quindi pagare l’importo, maggiorato delle spese di notifica. Chiaramente vengono anche decurtati i punti dalla patente in base all’infrazione commessa, se previsto dal Codice della Strada.

tag
rc-auto