Info Utili

Rc Auto, clausole di esclusione: cosa sono e cosa bisogna sapere

Quando si stipula un contratto di assicurazione auto è bene fare attenzione alle clausole di esclusione e al diritto di rivalsa della compagnia

Le clausole di esclusione in un contratto di Rc Auto sono una limitazione sulla copertura da parte della compagnia assicurativa nel caso di sinistro stradale. L’agenzia di assicurazione infatti utilizza queste clausole per elencare tutti i casi in cui non viene garantito il risarcimento dei danni, solitamente riguardano la condotta illecita dell’assicurato.

Le clausole di esclusione si collegano direttamente al diritto di rivalsa, questo significa che le compagnie assicurative possono rivalersi sull’assicurato. Pur dovendo risarcire sempre i terzi coinvolti in un incidente, poi hanno la possibilità di obbligare il cliente assicurato a restituire una parte o l’intera somma dell’indennizzo erogato alla persona danneggiata.

Rc Auto, clausole di esclusione: quando si applicano

Le clausole di esclusione si applicano quando viene riscontrato un dolo dell’assicurato nell’istruttoria di verifica di un sinistro stradale. Le compagnie assicurative indicano all’interno dei contratti di Rc Auto le esclusioni delle coperture, vediamo di seguito quelle più importanti e maggiormente applicate:

  • guida in stato di ebbrezza o sotto effetto di sostanze stupefacenti;
  • guida senza patente o con revisione scaduta;
  • guida di veicoli con motori truccati;
  • guida di un conducente con età inferiore a quella stabilita dal contratto di assicurazione o soggetto diverso da quello indicato a contratto che prevede guida esclusiva.

Altri casi in cui si possono applicare le clausole di esclusione, anche se meno comuni, sono:

  • dichiarazioni inesatte o reticenti dell’assicurato tese a ostacolare la ricostruzione dell’incidente;
  • auto privata usata come scuola guida;
  • veicolo in circolazione anche se sottoposto a fermo amministrativo;
  • partecipazione a gare o competizioni sportive;
  • danni provocati da veicoli alimentati a metano o gpl, dove l’accesso a questi ultimi era vietato per legge.

Rc Auto, il diritto di rivalsa

Dopo aver capito quindi che cosa sono le clausole di esclusione, possiamo dire che la rivalsa è il diritto di ogni compagnia assicurativa di rivalersi appunto sul proprio cliente, chiedendo il rimborso dell’importo versato alla persona danneggiata durante un sinistro, se si è verificato uno dei casi sopra elencati.

Come abbiamo già spiegato l’agenzia deve risarcire il danno in ogni caso, se uno dei clienti provocano un incidente, ma una volta accertato che il comportamento dell’assicurato non era consono, allora può appunto esercitare il diritto di rivalsa nei suoi confronti e obbligarlo alla restituzione della somma pagata per il risarcimento ai danneggiati o di parte di essa.

Rc Auto e clausole d’esclusione, la rinuncia alla rivalsa

Ci sono alcuni casi in cui il diritto di rivalsa potrebbe risultare anche molto oneroso per l’assicurato, per questo motivo diverse compagnia assicurative propongono ai clienti di sottoscrivere una garanzia aggiuntiva con cui rinunciano alla rivalsa oppure la limitano entro un importo massimo. Questo va ovviamente a favore dell’assicurato, ma non è un’opzione gratuita, anzi, prevede un costo anche abbastanza elevato.

Rc Auto, alcune informazioni generali

Definiamo il contratto di Rc Auto, ovvero Responsabilità Civile Autoveicoli, che deve essere stipulato per assicurare ogni mezzo immatricolato che circola su strada; in Italia è obbligatorio per Legge. La compagnia assicurativa prescelta copre i danni causati dall’assicurato a terzi in maniera involontaria a seguito dell’utilizzo della propria vettura. Il consiglio per risparmiare quando si deve stipulare una nuova polizza Rc Auto è richiedere alcuni preventivi a differenti agenzie, per poi scegliere quello più soddisfacente in termini di rapporto qualità/prezzo. Non esiste la miglior offerta, ma quella più adatta in base alle proprie esigenze.

tag
rc-auto