Info Utili

Rc Auto, cos’è la clausola di ripensamento e come funziona

Il diritto di ripensamento è una possibilità che viene concessa all’assicurato di recedere dalla polizza Rc Auto, come funziona

L’Rc Auto è il contratto assicurativo obbligatorio per ogni automobilista in Italia, stipulato per il proprio veicolo immatricolato che circola su strada. Sottoscrivendo questo contratto, la compagnia assicurativa copre i danni causati dall’assicurato a seguito dell’utilizzo della propria macchina. In questo modo l’assicurato stesso, verso il pagamento di un premio, si tutela a livello economico da eventuali rischi a cui può andare incontro mentre si trova alla guida della sua auto. Gli episodi che rientrano nella copertura devono essere riconducibili alla responsabilità dell’assicurato e deve trattarsi di incidenti che provocano lesioni a terzi o danni materiali.

Esiste una somma limite entro la quale l’assicurato è coperto, il massimale, che viene concordata dalle parti, nel momento della stipula del contratto. Se il danno dovesse superare la somma stabilita, l’assicurato dovrà coprire il danno da solo. Il diritto di ripensamento è una possibilità che viene concessa all’assicurato di recedere dalla polizza, vediamo di cosa si tratta.

Cosa dice la normativa sul diritto di ripensamento

Il D. Lgs. n. 385 del 1993, e in particolare dall’art. 125 ter, e il Decreto 21 del 2014, più recente, in virtù del quale il termine utile per l’esercizio del diritto è stato prolungato, sono i riferimenti normativi che abbiamo in materia di diritto di ripensamento, sia per quanto riguarda la polizza assicurativa auto che per ogni altro ambito finanziario. In particolare sappiamo che può essere esercitato solo entro 14 giorni dalla data di stipula del contratto, oppure entro i 14 giorni dalla data in cui il cliente riceve il set informativo sulla polizza, se non viene consegnato quando si sottoscrive l’accordo.

Questo significa che l’assicurato può decidere di recedere dal contratto anche entro un anno dalla sottoscrizione dello stesso, se manca l’informativa adeguata, soprattutto se al cliente non vengono consegnate tutte le informazioni che dovrebbe sapere riguardo la possibilità di usufruire del diritto di recesso.

Rc Auto, la clausola di ripensamento per le polizze brevi

Se si stipula una polizza breve, che dura meno di sei mesi, allora non può essere fatta valere la clausola di ripensamento, non è prevista nemmeno per i prodotti assicurativi acquistati direttamente in agenzia, ma solo per le polizze che vengono sottoscritte a distanza, mediante accordo telefonico o in internet.

A cosa serve la clausola di ripensamento?

La clausola di ripensamento potrebbe servire in differenti occasioni all’assicurato che vuole far valere le sue ragioni, ad esempio:

  • se si accorge che sono stati inseriti dei dati non corretti, dopo aver firmato;
  • se non sono state previste delle coperture accordate;
  • se sono state previste invece delle coperture particolari a cui non si era interessati;
  • se si trova una proposta più conveniente sul mercato dal punto di vista economico, in questo caso devono essere rispettati i tempi stabiliti.

Esercizio del diritto di ripensamento, obblighi dell’assicurato e motivazioni

Se un cliente assicurato decide di esercitare il proprio diritto di ripensamento nel suo contratto di Rc Auto, non è obbligato a fornire alcuna spiegazione e giustificazione specifica in merito. L’importante è che lo stesso si attenga alle indicazioni che sono contenute nel contratto, messe per iscritto. Solitamente la compagnia assicurativa chiede che la domanda di recesso venga inoltrata con una lettera raccomandata con ricevuta di ritorno e insieme al contrassegno, al certificato e all’originale su carta verde. Per i contratti stipulati presso agenzie di assicurazione online, spesso in internet si trovano dei moduli specifici da compilare.

tag
rc-auto