Info Utili

Quali finestrini posso oscurare con l’apposita pellicola?

Le pellicola oscuranti per i vetri dell'auto vengono applicate per esigenze personali del conducente o per estetica: cosa bisogna sapere a riguardo.

Abbiamo già parlato diverse volte delle pellicole oscuranti e della possibilità di utilizzarle per poter scurire appunto i vetri della propria auto, migliorandone l’estetica, ma anche aumentando la privacy per chi e cosa sta all’interno del veicolo stesso.

Oscurare i vetri della macchina comunque non è un lavoro semplice, che si può fare in maniera molto semplice anche da soli. Il fai da te infatti in questo caso è difficoltoso, per questo si cerca sempre l’aiuto di un professionista del settore, in modo che il lavoro sia fatto bene e non rovini la macchina. Una cosa fondamentale da sapere riguarda anche quello che è concesso per legge e le sanzioni previste per chi non rispetta le disposizioni in materia di vetri oscurati.

Pellicole oscuranti per auto: come devono essere

Prima cosa fondamentale è che qualsiasi pellicola che viene utilizzata deve essere omologata e deve oltretutto essere applicata nel modo corretto, per non occultare la visibilità a bordo del veicolo.

Ovviamente le pellicole che vengono utilizzate devono essere omologate e applicate al fine di non occultare la visibilità. Il Decreto 26 febbraio 2002 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, che recepisce la direttiva 2001/92/CE della Commissione del 30 ottobre 2001, che adegua al progresso tecnico la direttiva 92/22/CEE del Consiglio relativa ai “vetri di sicurezza e ai materiali per vetri sui veicoli a motore e sui loro rimorchi” e la direttiva 70/156/CEE del Consiglio relativa all’omologazione dei veicoli a motore e dei loro rimorchi dice che, dal 1° ottobre 2002, non è permesso:

  • rilasciare l’omologazione CE;
  • rilasciare l’omologazione di portata nazionale, di qualsiasi tipo di veicolo, per motivi che riguardano ogni tipologia di vetro di sicurezza o di materiale per vetri su veicoli e rimorchi, se non sono soddisfatte le prescrizioni del decreto del Ministro dei trasporti e della navigazione 30 marzo 1994, come modificato dal presente decreto.

Secondo la Circolare Prot. n. 1680/M360 del 08 maggio 2002, oltretutto “la materia non è regolata da norme internazionali né da norme comunitarie che prevedano l’omologazione di queste pellicole quali entità tecniche indipendenti, né risultano allo studio, sia in sede internazionale che comunitaria, normative specifiche in tal senso”.

Possiamo però dire che, nello Spazio economico europeo, ci sono dei Paesi che hanno adottato delle norme nazionali per poter disciplinare l’uso di queste pellicole oscuranti e la loro installazione sui vetri delle auto e di altri veicoli. In Italia invece non sono state prese decisioni a riguardo e quindi non vi sono delle norme nazionali in materia di vetri oscurati, si prende come riferimento quindi la regolamentazione in base all’eventuale emanazione di normative comunitarie.

In ogni caso, secondo il principio della libera circolazione delle merci della Comunità europea, non può essere vietata la compravendita di un prodotto che in un altro Stato membro invece è stato approvato e quindi circola liberamente. Questo è il motivo per cui oggi, nel nostro Paese, devono essere accettate pellicole che vengono applicate sui vetri laterali posteriori e sul lunotto posteriore, se approvate da altri Stati membri (chiaramente deve essere rispettato il limite inerente i campi di visibilità previsto dalle norme comunitarie).

Durante la revisione di un mezzo con pellicole oscuranti, deve essere verificato:

  • che le pellicole abbiano il marchio identificativo del costruttore;
  • sono omologate per il vetro sul quale sono applicate (bisogna avere il certificato di omologazione;
  • l’installatore deve certificare che il vetro abbia lo spessore previsto in sede di approvazione delle pellicole.

Cosa dice la legge: i divieti

Secondo la normativa comunitaria, le pellicole non possono essere applicate sul parabrezza e sui vetri laterali anteriori. Per quanto riguarda il lunotto posteriore, si può applicare solo se il mezzo ha specchi retrovisori esterni su ambo i lati.

Attenzione: l’applicazione di pellicole oscuranti sui vetri non comporta l’aggiornamento della carta di circolazione.