Info Utili

Perché l’iniettore Diesel diventa rumoroso e come rimediare

Gli iniettori sono di fondamentale importanza per le performance dell'auto. Una buona manutenzione, dunque, fa sì che il veicolo funzioni correttamente

A meno che non si abbia un’auto elettrica, rumori e cigolii vari sono una costante di ogni viaggio in auto. Per sua stessa natura, infatti, il motore a combustione interna produce suoni piuttosto pronunciati, che fanno da sottofondo ai nostri spostamenti su quattro ruote. A volte, per, può capitare che i rumori si facciano più forti e insistenti, facendo così scattare un campanello d’allarme. In casi come questi, la causa di tutto potrebbero essere degli iniettori rumorosi. Vediamo insieme perché l’iniettore diventa rumoroso e come si può rimediare, anche con il fai-da-te.

A cosa servono gli iniettori Diesel e perché è importante manutenerli

L’iniettore diesel, così come quelli dei motori a benzina, ha il “compito” di trasferire il carburante dal serbatoio all’impianto di alimentazione del motore. Nello specifico, gli iniettori nebulizzano il carburante (con la giusta pressione e nella giusta quantità) nel condotto di aspirazione o direttamente nella camera di scoppio del motore.

Questo componente, dunque, gioca un ruolo fondamentale nel determinare prestazioni e consumi del veicolo: iniettori sporchi causano rumori, aumentano i consumi dell’auto e, nei casi più gravi, possono portare addirittura a guasti improvvisi e auto bloccate a bordo strada per malfunzionamento del sistema di iniezione del carburante. Effettuare una corretta manutenzione degli iniettori, dunque, è di grande importanza per l’efficienza del veicolo e del suo funzionamento.

Perché l’iniettore Diesel diventa rumoroso?

Dietro iniettori diesel rumorosi, solitamente, si “nasconde” una causa comune: lo sporco presente nel serbatoio del carburante che viene “pescato” dalla pompa e si accumula negli iniettori stessi. Anche se sono dotati di filtri, infatti, capita spesso che le impurità si accumulino comunque al loro interno, compromettendone il corretto funzionamento. In particolare, il carburante diesel contiene solitamente più impurità e detriti rispetto all’auto a benzina: per questo gli iniettori diesel tendono a sporcarsi più frequentemente.

Se un iniettore è sporco può essere bloccato e rimanere sempre chiuso e far lavorare il motore a tre cilindri. Se così dovesse essere, il propulsore vibrerà perché sbilanciato, causando un rumore piuttosto fastidioso. Al contrario, un iniettore sporco può restare sempre aperto: in questo caso il gasolio non brucia correttamente, causando strani rumori ed emissioni di scarichi fuori norma.

Quando fare la manutenzione degli iniettori

Solitamente, gli iniettori dovrebbero essere puliti ogni 15 mila o 20 mila chilometri. Insomma, ogni volta che si fa il tagliando del veicolo il nostro meccanico di fiducia dovrebbe controllare anche lo stato di “salute” degli iniettori e intervenire nel caso in cui lo sporco accumulato dovesse essere eccessivo. Potrebbe però capitare che gli iniettori si sporchino prima del tempo, magari a causa di carburante poco raffinato.

Per fortuna, accorgersi che un iniettore è malfunzionante non è complicato. Oltre alla rumorosità, infatti, ci sono anche altri segnali che aiutano a capire che è arrivato il momento di pulire gli iniettori. Lo sporco accumulato, infatti, porta con sé:

  • Un consumo eccessivo di carburante;
  • Difficoltà nell’accensione del veicolo;
  • Arresto del motore a bassi regimi di giri;
  • Gas di scarico neri;
  • Peggioramento delle prestazioni generali dell’auto.

Nel caso in cui la vostra vettura mostri uno (o più) di questi sintomi, è il caso di allarmarsi: potrebbe capitarvi di restare improvvisamente in panne o, nella peggiore delle ipotesi, trovarvi con la biella del motore piegata.

Come pulire gli iniettori sporchi

I rimedi a iniettori sporchi e rumorosi sono molteplici. Se si agisce per tempo (alla comparsa dei sintomi appena descritti, tanto per intendersi) potrebbe essere sufficiente pulire per bene il serbatoio del carburante e, con esso, gli iniettori. In casi come questi si deve consumare quasi interamente il carburante, arrivando a riserva e poi fare il pieno con un diesel di qualità, magari già “mixato” con degli additivi ad hoc per la pulizia. Nel caso in cui nel distributore fosse disponibile solo il diesel “normale”, è possibile acquistare degli additivi appositi, da aggiungere al serbatoio prima di fare il pieno. Terminato questo primo ciclo, fate nuovamente il pieno con un diesel di qualità e, se necessario, aggiungete nuovamente gli additivi: gli iniettori dovrebbero smettere di far rumore e potrete tornare a circolare in sicurezza.

Nei casi più gravi, però, il fai da te non serve a nulla: per pulire gli iniettori sporchi si deve necessariamente ricorrere al meccanico di fiducia. L’intervento non dovrebbe essere troppo costoso e, nel giro di qualche ora, si avrà di nuovo un’auto in piena forma.