Info Utili

Protezione predittiva dei pedoni: che cos’è e come funziona

Il sistema di protezione predittivita dei pedoni usa tecnologie e dispositivi sofisticati di ultima generazione, che riducono il rischio di incidenti

La protezione predittiva dei pedoni è uno dei moderni sistemi di assistenza alla guida che si sta sempre più diffondendo oggi, installato sulle vetture moderne. Si tratta di un dispositivo che è in grado di annunciare con anticipo la presenza di un pedone vicino all’auto, riducendo così di molto il rischio di investire una persona, anche semplicemente per una banale distrazione del conducente alla guida, che può portare a episodi anche molto gravi. Si tratta di una tecnologia parecchio sofisticata, che mette in azione una serie di sensori intelligenti, in grado di monitorare il traffico attorno al veicolo, oltre al comportamento dell’automobilista al volante.

Che cos’è il sistema di protezione predittiva dei pedoni?

Si tratta quindi di un dispositivo in gradi di riconoscere la possibilità di collisioni imminenti con un pedone:

  • che è sulla corsia dell’auto;
  • che si sposta verso la propria auto.

Nel momento in cui il sistema rileva quindi una situazione pericolosa, allora:

  • avvisa il guidatore, che deve ovviamente frenare per evitare incidenti (in caso di pericolo basso o medio), oppure
  • interviene automaticamente, frenando il veicolo grazie ad un sistema di emergenza, che consente all’auto di rallentare senza l’azione dell’uomo (se il pericolo è alto).

È importante sottolineare comunque che, nonostante il sistema di protezione predittiva dei pedoni sia molto utile, non esiste purtroppo alcuna assoluta certezza che il pedone non venga investito.

Protezione predittiva del pedone: il funzionamento

Il sistema si compone di tre elementi fondamentali per il suo funzionamento:

  • sensore radar;
  • telecamera multifunzione;
  • videocamera stereoscopica.

Sensore e telecamera inviano dei dati che vengono integrati grazie a degli algoritmi software molto sofisticati, in grado di reperire le informazioni, elaborare e creare un’immagine che consente il controllo dell’area attorno all’auto.

La frenata automatica completa si attiva, in caso di pericolo, solo se sensore radar e telecamera avvertono la presenza di un pedone. La videocamera stereoscopica permette anche la rilevazione tridimensionale dell’ambiente circostante. Le varie componenti elettroniche dell’auto quindi possono lavorare insieme per migliorare la sicurezza stradale.

Chi dovrebbe avere un’auto dotata di sistema di protezione predittiva dei pedoni?

Potenzialmente qualsiasi automobilista al volante del proprio veicolo dovrebbe poter usufruire di questo dispositivo di ultima generazione. È indicato soprattutto per coloro che ci tengono a limitare il rischio di incidenti dovuti a situazioni di distrazione. C’è chi ad esempio distoglie l’attenzione dalla strada (anche se non si dovrebbe mai!) per cercare un oggetto, piuttosto che perché discute con un altro passeggero o fa attenzione a quel che fanno e/o dicono i figli seduti dietro.

Un altro problema molto frequente purtroppo, nonostante il divieto assoluto per legge e la pericolosità, è l’utilizzo dello smartphone mentre si è al volante. Il sistema di protezione predittiva dei pedoni può essere davvero prezioso anche per chi ha poca esperienza alla guida e ha la patente da poco tempo.

Oltretutto, la presenza in auto di questo dispositivo può incidere positivamente sul prezzo della polizza Rc Auto. Grazie a questa tecnologia infatti si proteggono maggiormente le persone e si impedisce anche che la Rca rincari a causa di incidenti. Oltretutto l’assicurazione ha un massimale, c’è un importo massimo che può rimborsare alle persone coinvolte in un sinistro stradale. L’assicurato deve pagare di tasca propria eventuali somme eccedenti. Il sistema di protezione predittiva dei pedoni limita questa possibilità.