Info Utili

Pressione gomme, come cambia con l’arrivo della bella stagione?

Le gomme della propria auto vanno sempre controllate, per evitare che la pressione sia eccessiva o troppo bassa: cosa succede durante la primavera/estate

Abbiamo già visto in differenti articoli quanto sia importante la pressione delle gomme, che non deve mai scendere sotto un determinato valore, ma che non deve nemmeno mai essere eccessiva, altrimenti può diventare pericolosa.

Gomme troppo gonfie o sgonfie possono infatti mettere a rischio la sicurezza dell’auto su strada, vediamo come cambia la pressione degli pneumatici con il caldo e con l’arrivo della bella stagione.

Pressione gomme auto: cosa sapere

Si tratta di un parametro molto importante, sia quando fa caldo che quando fa freddo. La temperatura atmosferica infatti provoca delle variazioni di pressione alle gomme dell’auto. Non è fondamentale solo controllare la pressione degli pneumatici almeno una volta ogni 2-4 settimane, ma anche ogni cambio stagione. Quando inizia la primavera e le giornate diventano più calde infatti la pressione cambia. Vediamo come e per quale motivo.

Pressione gomme: cosa succede in estate

Come abbiamo detto in precedenza, la pressione degli pneumatici subisce delle variazioni a seconda della temperatura. Questo è il motivo per cui in inverno e in estate è molto differente, durante i periodi più freddi diminuisce, per poi aumentare non appena le giornate iniziano ad essere più calde.  Qual è la causa? L’aumento di volume dell’aria riscaldata.

Ma spieghiamolo meglio: l’aumento della temperatura in primavera ha effetto anche sulla pressione delle gomme, che infatti diventa maggiore rispetto a quella che viene consigliata dal costruttore e che possiamo leggere sul manuale dell’auto. Si tratta dell’effetto opposto che accade durante l’inverno, quando il freddo abbassa la pressione degli pneumatici.

Pressione gomme troppo alta: cosa succede

Come è sconsigliato viaggiare con la pressione delle gomme troppo bassa, anche il sovragonfiaggio causato dal caldo è pericoloso, perché causa un’irregolare usura degli pneumatici stessi, che si consumano soprattutto in centro, un comportamento di guida poco piacevole e anche una riduzione dell’aderenza delle gomme al suolo.

Per questo motivo ogni Casa auto prescrive dei valori per la pressione delle gomme, indicando:

  • il valore standard, consigliato per il massimo comfort di guida;
  • il valore a pieno carico, in caso di trasporto di persone e/o bagagli;
  • il valore massimo per ridurre i consumi e aumentare l’efficienza.

Controllo pressione gomme: come procedere durante le stagioni calde

Se guidando la vostra auto vi accorgete che c’è qualcosa che non va, che il comfort di guida diminuisce e che questa situazione potrebbe essere causata da un aumento eccessivo della pressione degli pneumatici, allora è necessario fare un controllo e correggere appunto la pressione degli stessi. Attenzione: non fate mai l’errore di sgonfiare le gomme quando sono calde, è sempre meglio aspettare che si raffreddino.

Ma come è meglio controllare la pressione quando fa caldo? Basta seguire alcuni piccoli e semplici accorgimenti:

  • come abbiamo anticipato, prima di fare la verifica, è sempre meglio che gli pneumatici siano freddi. L’auto quindi dovrebbe essere ferma all’ombra da almeno un paio d’ore, dopo aver guidato meno di 3 chilometri a velocità contenute;
  • la pressione a caldo si può regolare solo in caso di emergenza, aggiungendo 0.3 bar al valore che la Casa auto consiglia a freddo. Questa deve essere un’eccezione, e non la regola, ed è comunque meglio ricontrollare la pressione quando le gomme sono fredde;
  • eliminare il falso mito dell’azoto, questo metodo di gonfiaggio non assicura una migliore pressione per tempi più prolungati. Limita il problema dello sgonfiaggio, è vero, ma non lo risolve.
tag
gomme