Info Utili

Perché le gomme dell’automobile si ovalizzano?

Perché e quando le gomme dell'auto si ovalizzano: che cosa succede e come è possibile evitare questo problema, che nasconde seri rischi

Può succedere che gli pneumatici della propria auto inizino ad assumere una forma e una configurazione differente rispetto a quello che normalmente vediamo quando compriamo le gomme nuove di pacca. È possibile assistere a quella che possiamo definire ovalizzazione degli pneumatici, un fenomeno frequente. Da che cosa deriva e, soprattutto, come è possibile evitarlo? Vediamo tutto quello che bisogna sapere a riguardo.

Le principali cause di ovalizzazione delle gomme

Il fenomeno dell’ovalizzazione degli pneumatici si verifica con il passare del tempo e l’usura delle gomme. È possibile vedere che le stesse assumo una sezione trasversale ovale, simile alla forma di un nuovo. Le vediamo in una configurazione schiacciata rispetto allo stato normale in cui troviamo le gomme nuove. La prima causa? L’auto che rimane ferma nello stesso luogo per troppo tempo, senza mai essere spostata (le ruote non girano da molto).

Le motivazioni dell’ovalizzazione, in questo caso, sono legate:

  • alla perdita naturale di aria;
  • al peso dell’auto che grava sugli pneumatici.

L’insieme di questi due fattori appiattisce le gomme, rendendole ovali, molto più simili a un uovo rispetto che ad un cerchio (come invece dovrebbero essere). Purtroppo però le gomme ovalizzate possono essere “pericolose” e causare dei disagi e problemi alla guida dell’auto.

Manutenzione periodica gomme: come prevenire l’ovalizzazione

La fastidiosa vibrazione dello sterzo, soprattutto quando si viaggia a velocità più elevate, è una conseguenza delle gomme ovalizzate e rischia di essere un grande problema per chi guida. È possibile però evitare che le gomme cambino forma, e oltretutto è molto semplice: anche nei più lunghi periodi di inattività dell’auto, non dimenticate mai di muovere o far muovere la vostra vettura periodicamente, per i motivi già indicati in precedenza.

Attenzione: prima di spostare l’auto però assicuratevi che la pressione delle gomme sia ottimale, altrimenti gonfiatele, arrivando alla pressione riportata e consigliata dal libretto di istruzioni del costruttore. A volte basta comunque fare anche solo un semplice giro dell’isolato per evitare l’ovalizzazione.

Che cosa dice l’esperto

Chi non può provvedere alla manutenzione delle gomme e allo spostamento periodico dell’auto, ma ha ovviamente bisogno di riportare gli pneumatici alla loro forma originale, allora può semplicemente provare a fare un giro molto più lungo con la sua macchina dopo tutto il periodo in cui la stessa è rimasta ferma. Può essere molto utile per riportare in sesto le gomme, ma il nostro consiglio è ovviamente quello di far controllare comunque gli pneumatici ad un gommista.

Attenzione: anche in questo caso, non dimenticate di verificare la corretta pressione delle gomme dell’auto. Controllatela o fatela controllare in una stazione di servizio o direttamente dal professionista. Per i mezzi più pesanti, come i caravan, che in genere restano fermi durante tutto l’inverno, è possibile evitare l’ovalizzazione posizionando dei cunei sotto le ruote.

Vibrazioni anomale: è necessario controllare le gomme

Ci sono differenti tipologie di vibrazione che è possibile sentire mentre si è alla guida, è importante saperle riconoscere, per poter dare delle indicazioni più precise al gommista. Se si sente una vibrazione prevalentemente nel sedile, il problema potrebbe riguardare solo le ruote posteriori, se invece sentite vibrare il volante, in realtà potrebbero esserci più motivi (tra cui anche un problema alle ruote anteriori). Se invece si sente la vibrazione durante la frenata, allora il problema potrebbe essere all’altezza del disco del freno.

tag
gomme