Info Utili

Multe, quali informazioni devono riportare per essere conformi alla Legge?

Ogni verbale, per Legge, deve contenere tutti gli elementi essenziali; in mancanzo di tali dati e informazioni infatti può essere considerato nullo

Quando si riceve una multa a casa, la prima cosa da fare è verificare che non vi siano dei vizi che possano rendere legittimo un ricorso. Si tratta di un atto amministrativo, per cui la Legge impone che siano riportati determinate informazioni e dati che non possono essere tralasciati.

Verbale stradale: di cosa si tratta

Partiamo innanzitutto dalla definizione di verbale stradale. Il Codice della Strada obbliga a eseguire la contestazione immediata al trasgressore di una o più eventuali violazioni delle norme di comportamento della circolazione stradale. Ci sono dei casi in cui non è possibile o necessaria la contestazione immediata e quindi il verbale arriva poi a casa (ad esempio in caso di sorpasso vietato oppure di veicolo che passa con il semaforo rosso).

Il verbale contiene la descrizione sommaria del fatto accertato, deve essere indicata la targa del veicolo e si devono poter leggere tutti gli elementi essenziali per identificare il soggetto trasgressore. Una copia del verbale viene consegnata all’ufficio o al comando degli agenti che hanno accertato l’infrazione e redatto il verbale stesso.

Nel caso in cui, come abbiamo detto, non è possibile fare contestazione immediata, allora il verbale deve essere notificato al trasgressore con la consegna a casa entro 90 giorni dal momento in cui è stata accertata l’infrazione.

Gli elementi che non possono mancare all’interno di un verbale stradale

Il verbale deve contenere:

  • data, ora e località in cui è avvenuta la violazione del Codice della Strada;
  • generalità del trasgressore;
  • indirizzo di residenza del trasgressore;
  • targa e tipo di veicolo;
  • descrizione sommaria del fatto: deve essere chiaro il comportamento del trasgressore e le circostanze in cui si è verificato il fatto illecito;
  • norma violata;
  • generalità dell’agente che redige il verbale stesso;
  • eventuali dichiarazioni del trasgressore, sono elementi accidentali del verbale di contestazione, che assumono una particolare efficacia, facendo piena prova fino a querela di falso.

Altri elementi che devono apparire nel verbale:

  • termini di pagamento;
  • modalità di pagamento e somma da pagare (anche in misura ridotta, quando consentito);
  • comando o ufficio in cui si può effettuare il pagamento;
  • autorità a cui si può presentare eventuale ricorso;
  • modalità per il ricorso;
  • numero di conto corrente per il pagamento.

Verbale stradale nullo o annullabile: i motivi

Gli elementi essenziali del verbale sono data, ora, località in cui si è verificato l’illecito, generalità e residenza del trasgressore e estremi della patente e del tipo di veicolo. In mancanza di questi il verbale può essere dichiarato nullo per vizi di forma.

L’individuazione erronea di un elemento essenziale determina invece l’annullabilità del verbale per violazione di legge. Sul verbale deve essere citata la norma violata, altrimenti l’atto è nullo. Se invece non vengono indicati i termini per il pagamento della sanzione, il verbale non può essere dichiarato nullo ma il pagamento in ritardo non comporta ulteriori sanzioni.

Se nel verbale non viene indicata l’autorità competente per il ricorso, allora è nullo. Se invece appare, ma in maniera inesatta o incompleta, allora il trasgressore può opporsi in un momento successivo. Se non viene indicato il termine per presentare il ricorso o l’indicazione è errata, allora si ha una rimessione in termini per il ricorso tardivo.

Attenzione: deve essere il giudice a pronunciare nullità o annullabilità del verbale, non è un procedimento automatico. Il trasgressore deve impugnare l’atto entro i termini previsti e nelle modalità indicate dalla Legge.