Info Utili

Motorino di avviamento dell’auto: quando occorre sostituirlo?

Il motorino di avviamento dell'auto è uno degli elementi fondamentali per il motore, scopri quando è guasto e come risolvere la situazione

Ogni veicolo a motore è dotato di un motorino di avviamento, elemento centrale che permette proprio al mezzo di avviarsi. Nessun veicolo infatti, né a benzina né diesel, può partire da solo. Il carburante che si trova nel motore riceve ossigeno proprio grazie all’aspirazione e alla compressione che avvengono prima dell’avviamento, il processo è generato dal motorino stesso, che quindi è un elemento fondamentale che, nel caso in cui presenta un guasto, deve essere risolto immediatamente, perché può dar vita ad un problema serio.

Come funziona il motorino di avviamento?

Si tratta della componente che permette l’accensione del motore, il suo compito è quello di aiutare qualsiasi motore a combustione interna a superare l’inerzia della massa, la frizione e la resistenza alla compressione. Si tratta di un piccolo motore elettrico, ed è la batteria ad attivarlo direttamente. Fondamentale il ruolo dell’elettromagnete che, grazie all’azione del solenoide, che collega il motorino d’avviamento alla batteria, chiude i contatti metallici con il motorino d’avviamento, oltre ad azionare la leva a forcella che innesta il pignone nell’ingranaggio del volano. Il motorino di avviamento permette la trasformazione dell’energia elettrica che proviene dalla batteria, in energia meccanica. Quando l’avviamento è completato, allora il motore inizia a funzionare in maniera indipendente, in quel momento il motorino di avviamento dell’auto si spegne.

Come possiamo capire, si tratta di una delle componenti più affidabili di ogni mezzo e oltretutto non necessita di una specifica e profonda manutenzione, nonostante possano avvenire dei guasti, vediamo quali e come risolverli.

Guasti al motorino di avviamento: cause e sintomi

Inserendo la chiave per accendere la macchina, può succedere che l’auto non risponda al comando e non parta, oppure che si sentano dei rumori inconsueti. Il malfunzionamento del motorino di avviamento solitamente è dovuto a problemi che si possono risolvere in maniera semplice. Nel caso in cui invece il danno sia più grave del previsto, allora è necessario portare immediatamente l’auto da un meccanico.

Ecco le principali cause e i conseguenti sintomi di guasto al motorino di avviamento che si possono presentare:

  • la batteria è esausta, il quadro si illumina quando inserisci la chiave, ma girandola si sente una sorta di “caduta del suono”;
  • l’elettromagnete non funziona, si sente un picchettio continuo e il guasto al motorino provoca la caduta di tensione, che non permette al motorino di accendersi;
  • quando il problema è di tutto il circuito di alimentazione e non del solo magnete, invece del picchettio, si sente un rumore battente;
  • nessun sintomo nel momento in cui inserisci la chiave, il circuito elettrico interno è interrotto totalmente.

Nei primi due casi serve sostituire batteria ed elettromagnete, negli altri invece è necessario cambiare il motorino di avviamento.

Manutenzione del motorino di avviamento dell’auto

Una volta raggiunti i 100.000 km oppure quando l’inserimento della chiave e l’avvio del motore sono avvenuti più di 1000 volte, e non oltre 2000, è necessaria la manutenzione di questo elemento. Nel frattempo è importante però controllarne le varie componenti:

  • la forma del collettore (è cilindrico) che potrebbe ovalizzarsi, facendo ruotare a vuoto le spazzole;
  • verificare l’usura e il funzionamento delle spazzole;
  • le boccole non devono presentare molte rigature, che ne possono impedire la scorrevolezza;
  • deve essere controllata l’usura dell’elettromagnete, oltre a verificare il passaggio di elettricità;
  • servono delle prove di corto circuito indotto per verificare che siano regolari i collegamenti del circuito elettrico interno e degli avvolgimenti;
  • infine deve essere controllato anche il gruppo epicicloidale.

È necessario che vengano rivisti anche tutti i componenti interessati dall’avvio iniziale effettuato dal motorino di avviamento, come la corona del volano e il pignone.