Info Utili

Il motore non si scalda: come fare per avviarlo in tutta sicurezza?

Può capitare, durante l'inverno, che il motore non riesca a raggiungere la temperatura ideale durante l'utilizzo dell'auto: cosa fare

Uno dei problemi principali che può presentarsi all’auto durante la stagione invernale è che il motore faccia fatica a scaldarsi a causa delle temperature molto basse. Vediamo come bisogna comportarsi quando il sensore sembra non funzionare o la temperatura auto non sale, quali sono i controlli e le diagnosi da fare.

La temperatura del motore dell’auto è molto bassa

Il problema della temperatura del motore dell’auto molto bassa non è sicuramente da sottovalutare, ma da tenere monitorato con attenzione. Sicuramente si tratta di una situazione meno pericolosa rispetto ad un motore che si surriscalda eccessivamente (e che provoca sicuramente dei danni più gravi), ma comunque è importante controllare questa problematica, che fa spendere più soldi senza garantire la miglior rendita possibile.

Durante la stagione invernale, soprattutto con temperature che si avvicinano allo zero, è normale che il motore dell’auto impieghi più tempo per raggiungere le condizioni ottimali di funzionamento. Una volta che si accende la macchina, la valvola EGR aiuta l’auto a raggiungere la temperatura ideale del motore, aumentandola man mano, facendo ricircolare i gas di scarico (nel caso dei propulsori a benzina, il riuso dei gas combusti garantisce un’entrata in temperatura del motore in tempi molto più veloci e oltretutto la fase di riscaldamento accelerata porta ad un buon miglioramento dei livelli di emissioni e di consumi, rispetto a un prolungato funzionamento “a freddo”. Oggi comunque alcuni sofisticati motori moderni hanno dei sistemi di controllo per cui la valvola EGR non serve nemmeno più). Nel caso in cui il motore rimanga freddo e fatichi a scaldarsi, questa condizione provoca senza dubbio degli svantaggi sia di carattere economico, infatti l’auto fredda consuma più carburante a lungo, che di carattere pratico, il riscaldamento dell’abitacolo non funziona, se non con il climatizzatore.

La temperatura del motore non sale: cosa fare

Possiamo notare subito che la temperatura dell’auto non sale, lo capiamo infatti dalla lancetta del liquido di raffreddamento, che resta al minimo anche dopo diversi minuti di guida. Il tempo medio che impiega una vettura in perfetta forma (con temperature esterne miti) per scaldarsi è di circa 5-10 minuti (di guida tranquilla). Se invece si inizia ad avere l’impressione che la temperatura del motore non sale, allora è bene cercare di capire quali possano essere le cause o rivolgersi a un esperto meccanico. Quali controlli devono essere effettuati (in sequenza):

  • verificare il funzionamento del sensore della temperatura del motore;
  • smontare il termostato e controllarlo in un bagno di acqua calda, rilevando la temperatura di azionamento;
  • controllare la corretta attivazione dell’elettroventola.

Il sensore della temperatura del motore dell’auto

Quando il motore dell’auto non si scalda in maniera rapida e hai il timore che l’auto possa avere dei problemi, il controllo del sensore della temperatura è una delle operazioni meno complesse da fare, che si può eseguire anche autonomamente, a meno che non si sappia proprio dove mettere le mani.

La prima cosa da sapere è quali sono i segnali che fanno capire che il sensore è difettoso e ha dei problemi:

  • aumenta il consumo del carburante;
  • il minimo accelerato;
  • si ha difficoltà ad avviare la macchina.

Il sensore della temperatura del motore è una sonda a immersione, a diretto contatto con il liquido refrigerante. Questo è il motivo per cui si trova in genere presso la valvola termostatica o i manicotti di raffreddamento. Non è sempre necessario smontarlo, a meno che non si debba sostituire o fare il rabbocco del liquido refrigerante. Per verificare il funzionamento del sensore serve un multimetro a sapere almeno le nozioni base per la manutenzione dell’auto.

È necessario:

  • scollegare il connettore e misurare la tensione, dopo aver acceso il quadro; dovrebbe leggersi una tensione di 5V;
  • misurare la resistenza ai pin del sensore, considerando l’effetto della temperatura dell’ambiente esterno all’auto.