Info Utili

Alcuni motivi per cui il riscaldamento dell’auto non funziona

Può succedere che l'impianto di riscaldamento dell'auto subisca dei probemi e malfunzionamenti: vediamo quali e come comportarci

Il sistema di riscaldamento della macchina è formato essenzialmente da una serie di ventilatori in grado di immettere l’aria calda che proviene dal vano motore nell’abitacolo della vettura, per scaldare gli interni, occupati da conducente e eventuali passeggeri. Si tratta di un sistema in genere molto semplice, che subisce raramente danni e malfunzionamenti e che è chiaramente molto comodo nelle gelide giornate invernali.

Può comunque succedere che il sistema subisca dei problemi più o meno gravi, per esempio dovuti ad un guasto del circuito elettrico o alla rottura di una ventola. E visto che in genere il riscaldamento dell’auto è connesso al sistema di raffreddamento, può chiaramente succedere che un eventuale problema si possa estendere a tutti e due i dispositivi dell’aria.

Riscaldamento auto rotto: che cosa succede

È molto facile rendersi conto che il sistema non funziona: l’abitacolo rimane sempre freddo. Ci sono però anche alcune spie sul cruscotto che possono identificare il problema e aiutare l’automobilista a capire che c’è qualcosa che non va, in modo da poter riuscire a intervenire prima che sia troppo tardi e che il danno sia definitivo.

I segnali più frequenti del riscaldamento auto rotto:

  • cattivo odore che proviene dal liquido del radiatore, che appunto ha un ‘aroma’ acre. Quando perde, gli interni dell’auto si impregnano di questo odore;
  • dalle prese d’aria esce solo corrente fredda e non aria calda;
  • la condensa calda entra nell’abitacolo generando la condensa sui finestrini;
  • è necessario rabboccare troppo spesso il liquido di raffreddamento;
  • si accendono, come abbiamo detto in apertura, delle spie che indicano un malfunzionamento del sistema di riscaldamento.

Riscaldamento auto non funzionante: le cause

Dopo aver compreso i segnali di malfunzionamento del sistema di riscaldamento dell’aria, è bene anche capire i motivi legati a questo problema. Il primo in assoluto potrebbe essere il liquido refrigerante sporco che, con il tempo e l’utilizzo della macchina infatti, può essere contaminato da polvere, sporcizia e altri detriti.

Un accumulo di queste sostanze potrebbe arrivare appunto a bloccare il riscaldamento dell’auto. Gli elementi contaminanti possono entrare a contatto anche con il radiatore, il motore o altre parti meccaniche, causando ruggine o altri danneggiamenti. Altro motivo di malfunzionamento dell’impianto di riscaldamento della vettura potrebbe essere un’insufficiente quantità di antigelo, che non riesce quindi a raggiungere il radiatore. Le ragioni, in questo caso, possono essere molteplici, tra cui livelli di riempimento inesatti o perdite del liquido.

Vediamo invece altre cause meno frequenti di un malfunzionamento dell’impianto di riscaldamento della macchina:

  • un problema ai fusibili. Come sappiamo, tutte le componenti del sistema elettrico dell’auto dipendono da una serie di fusibili e di cablaggi. Nel caso in cui dovesse saltare e smettere di funzionare un fusibile, oppure uno dei fili dovesse essere danneggiato, allora il riscaldamento smette di funzionare correttamente;
  • il controllo del climatizzatore, ovvero le manopole e i pulsanti che comandano sia l’aria calda che l’aria fredda, potrebbero essere la causa del problema al sistema di condizionamento dell’aria. Se si rompono, infatti, è impossibile riuscire a ‘comunicare’ con il sistema e farlo funzionare correttamente;
  • la ventola del sistema di riscaldamento è responsabile della dispersione dell’aria nell’abitacolo. Se questa non funziona a dovere, anche se il sistema di riscaldamento non ha nessun problema o danno, è impossibile sentire il caldo arrivare nell’abitacolo.