Info Utili

App per traffico in tempo reale: quali sono le migliori da utilizzare?

Gli smartphone sono strumenti sempre più utili per viaggiare in auto. La funzione traffico, ad esempio, permette di scoprire se ci sono ingorghi lungo la strada e cambiare tragitto.

Da tempo gli smartphone sono diventati anche un grandissimo alleato nel caso in cui si vogliano evitare imbottigliamenti e traffico. Sfruttando i dati degli altri automobilisti (e decine di altre fonti, oltre ad avanzati algoritmi di intelligenza artificiali), moltissime app offrono informazioni sullo stato della viabilità, permettendo così di scegliere il percorso più veloce per raggiungere la meta desiderata (che, come spesso sappiamo, non corrisponde con il percorso più breve).

Alcune app più di altre, però, garantiscono risultati precisi e, soprattutto, aggiornati in tempo reale. In questo modo sarà possibile “aggirare” degli ingorghi che si sono appena formati, sfruttando un’altra funzionalità particolarmente utile: quella del ricalcolo istantaneo del percorso. Utilizzando l’intelligenza artificiale, le app per traffico sono in grado di trovare immediatamente dei percorsi alternativi che permettono di risparmiare tempo, facendoci arrivare a destinazione prima di quanto credessimo.

Ma quali sono le app di monitoraggio del traffico che non possono mancare sul nostro smartphone? Ecco la nostra top 3 delle migliori app per traffico in tempo reale.

Google Maps

Se Google Maps è tra i navigatori auto più scaricati e utilizzati in assoluto gran parte del merito è da attribuire proprio alla sua funzionalità “traffico”. Anche se il navigatore di Big G conta decine e decine di strumenti preziosissimi, la possibilità di conoscere il traffico in tempo reale e di poter basare il proprio percorso su queste informazioni consente a milioni di automobilisti in tutto il mondo di risparmiare ogni giorno decine e decine di minuti.

Per garantire risultati precisi e sempre aggiornati, Google sfrutta il segnale GPS dei miliardi di smartphone che utilizzano il sistema operativo Android. Anche se non ce ne accorgiamo, mentre ci muoviamo in strada, lo smartphone invia piccoli pacchetti dati (anonimizzati, ovviamente) che consentono a Google di conoscere la nostra velocità e, quindi, sapere se la strada che percorriamo è sgombra oppure se siamo fermi a causa di un ingorgo. A questi dati, poi, Google aggiunge informazioni statistiche (come i dati del traffico degli anni precedenti) e, da qualche tempo, le segnalazioni degli utenti, che possono inviare un feedback diretto sullo stato del traffico.

Sfruttando tutti questi dati e avanzati algoritmi di intelligenza artificiale, Google Maps aiuta a conoscere il traffico in tempo reale, suggerendo percorsi alternativi nel caso in cui la colonna di auto rallenti eccessivamente la nostra corsa.

Waze

Anche se è di proprietà di Google, Waze può essere considerato come uno dei principali antagonisti – se non il principale -di Google Maps. Nato come navigatore satellitare “crowdsourced” (ossia, alimentato dalle informazioni fornite in diretta dagli utenti), con il passare del tempo ha integrato diverse funzionalità inizialmente presenti su Maps. Ancora oggi, però, il suo sistema di informazioni crowdsourced è il suo vero punto di forza.

Gli utenti, milioni e milioni in tutto il mondo, possono segnalare lavori stradali, incidenti, rallentamenti e autovelox indicando così all’intelligenza artificiale di Waze quali sono le strade più veloci per condurci alla nostra destinazione. Questo sistema consente, in alcune occasioni, di anticipare le “previsioni” sul traffico delle altre app, garantendo così risultati più veloci e precisi dei concorrenti.

MyWay

Magari per molti non sarà il navigatore ideale e non potrà reggere il confronto con i due prodotti made in Mountain View, ma MyWay può tornare molto utile a un’ampia fetta di automobilisti e camionisti. Si tratta, infatti dell’app ufficiale di Autostrade per l’Italia e offre informazioni dettagliate e sempre aggiornate sullo stato del traffico della più estesa rete autostradale del nostro Paese.

Con MyWay, inoltre, si avrà accesso diretto alle migliaia di telecamere distribuite lungo le principali autostrade italiane, permettendo di conoscere in tempo reale se all’altezza dei caselli o degli svincoli autostradali ci siano o meno code. Molto utile, dunque, per tutti coloro soliti viaggiare molto in autostrada, che possono così avere un occhio sulle maggiori arterie del nostro Paese.