Info Utili

Mascherina in auto: sì o no?

di Marco Coletto -

Tutto quello che c’è da sapere sulla mascherina in auto: quando va indossata e quando non c’è bisogno di metterla

La mascherina in auto va indossata o no? Dipende dalla situazione: in caso di dubbi è sempre meglio consultare la pagina del Governo relativa alle FAQ (domande frequenti) della Fase 2.

Di seguito troverete tutto quello che c’è da sapere sulla mascherina in auto: quando va indossata e quando invece non c’è bisogno di metterla.

Bisogna indossare la mascherina in auto se nella vettura sono presenti solo persone conviventi?

No.

Si può stare senza mascherina in un’auto insieme a persone non conviventi?

No. Tutti i passeggeri devono indossare la mascherina.

Quante persone non conviventi possono stare nella stessa auto?

Dipende dal numero di posti: una persona su un’auto a due posti, fino a tre persone su un’auto con due file di sedili e fino a cinque persone su un’auto con tre file di sedili.

In parole le persone non conviventi non possono sedersi di fianco al guidatore e possono occupare solo due sedili per ogni altra fila.

Esistono casi in cui persone non conviventi possono stare in un’auto senza mascherina?

Sì, se la vettura è dotata di un separatore fisico in plexiglas tra la fila di sedili anteriore e quella posteriore ed esclusivamente se ci sono sono due persone in auto (il guidatore e un passeggero nella fila dietro).

Quante persone conviventi possono stare nella stessa auto?

Il numero di persone conviventi che possono stare nella stessa auto coincide con il numero di posti a sedere: per i conviventi non sono previste limitazioni.

Posso spostarmi in auto se sono sottoposto a quarantena?

No. Chi è sottoposto alla misura della quarantena essendo risultato positivo al coronavirus non può uscire di casa.

Posso salire in auto con la mascherina se ho sintomi da coronavirus?

No. I soggetti con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre (maggiore di 37,5° C) devono rimanere presso il proprio domicilio e limitare al massimo i contatti sociali, contattando il proprio medico curante.