Info Utili

Che cos’è il Lane Assist? Cosa bisogna sapere

Il Lane Assist fa parte dei sistemi di sicurezza dell'auto e comprende funzioni in grado di evitare incidenti anche molto gravi

Con Lane Assist si indicano tutti i dispositivi di sicurezza che oggi sono sempre più diffusi sulle auto di ultima generazione, fanno parte degli ADAS (sistemi di assistenza alla guida avanzata) e comprendono, tra i più popolari, il Lane keep assist e il Lane departure warning. Vediamo di che cosa si tratta.

Come funziona il Lane Assist

Agisce grazie ad una telecamera che in genere si trova dietro il parabrezza, vicino allo specchietto retrovisore interno centrale. Funziona captando le linee tratteggiate e continue che sono tracciate sull’asfalto e la corsia di marcia che percorre il veicolo. Nel caso in cui l’auto tende ad uscire da quella che è la sua traiettoria ideale e i sensori captino che si sta verificando un’uscita di strada non segnalata, allora il Lane Assist interviene:

  • con il Lane departure warning, la centralina elettronica attiva un segnale acustico o una vibrazione del sedile o del volante;
  • con il Lane keep assist il dispositivo invece riporta il veicolo al centro della corsia, con input dati allo sterzo e ai freni, con un’azione che può essere selettiva sul disco di ogni ruota.

Entrambi i sistemi si possono disattivare con un pulsante apposito; nessuno dei due dispositivi di sicurezza può entrare in azione se manca la segnaletica orizzontale oppure se l’auto stessa viaggia al di sotto di una certa velocità minima.

Lane Assist: a che cosa serve

Le uscite involontarie dalla corsia di marcia sono una delle maggiori cause di incidenti stradali, e il Lane Assist evita questi spiacevoli episodi. Il sistema è in grado di rimediare alle distrazioni del conducente, che però non deve approfittare esclusivamente del supporto fornito della tecnologia, perché ci sono dei casi in cui potrebbe smettere di funzionare, come la mancanza improvvisa della segnaletica tracciata su strada. Questo è il motivo per cui tutti i dispositivi di Lane Assist emettono un allarme e si disattivano nel caso in cui non sia indicata la presenza di almeno una mano sul volante e la partecipazione attiva del pilota alla guida.

Come funziona il Cruise Control

È un sistema molto utile quando si viaggia in autostrada con poco traffico, in città invece è più comodo disattivarlo. Il Cruise Control adattivo invece modula l’andatura prefissata in base a quella tenuta dal veicolo che precede l’auto, che in questo modo può gestire il traffico fermandosi e partendo poi automaticamente se il veicolo che precede si muove entro pochi secondi.

Le vetture che dispongono di un regolatore di velocità attivo, oltre ai classici comandi, hanno a disposizione del conducente anche quelli per variare la distanza di sicurezza da indicare al sistema. Ci sono dei modelli che modificano l’andatura a seconda della modalità di guida usata, ci sono poi dei dispositivi di ultima generazione dotati di telecamera stereoscopica in grado di calcolare le distanze e attraverso le quali si possono rispettare i limiti di velocità, anche in abbinamento a determinati radar. C’è una funzione apposita, che il conducente stesso può selezionare manualmente, in grado di far leggere il segnale all’occhio elettronico e di impostare la velocità limite nel Cruise Control.

È possibile anche abbinare l’assistente per il mantenimento della corsia al regolatore automatico, in modo da ottenere l’assistenza alla guida di livello 2. Questo significa che l’auto, entro determinati limiti, può viaggiare controllando le traiettorie e la sua andatura. Attenzione: non dimentichiamo che il responsabile della guida è sempre e solo il conducente, che è tenuto sempre a tenere gli occhi fissi sulla strada e le mani ben salde sul volante.