Info Utili

È possibile guidare con il parabrezza scheggiato?

Il Codice dell Strada punisce tutti coloro che viaggiano con il parabrezza dell'auto scheggiato: quali sono i rischi e le sanzioni

Può capitare purtroppo di ritrovarsi con il parabrezza dell’auto scheggiato, e questo potrebbe essere un pericolo potenziale per il guidatore. Non è tutto, viaggiare con il vetro scheggiato è un comportamento sanzionabile da parte delle Forze dell’Ordine, perché potrebbe provocare dei danni anche molto consistenti e dei problemi alla sicurezza nella circolazione del veicolo. Vediamo quindi tutto quello che bisogna sapere se ci si trova in questa situazione.

Parabrezza scheggiato: i pericoli

Purtroppo anche solo una piccola crepa nel vetro potrebbe allargarsi fino a provocare dei danni all’intero cristallo anteriore. Il pericolo è quello di mettere a rischio la visibilità del conducente, la rottura del vetro potrebbe obbligare alla completa sostituzione del parabrezza, oltre a provocare pericoli a chi guida, e non solo.

Il Codice della Strada sanziona chi viaggia con una crepa nel vetro, perché riduce la visuale al conducente del veicolo. Durante la guida in autostrada la sanzione viene maggiorata. Se è possibile riparare il danno al vetro, allora è bene farlo tempestivamente, per evitare pericoli e multe. Se invece la scheggiatura è estesa, allora bisogna sostituire interamente il vetro (si può usufruire della polizza cristalli).

Quali sono le cause di un parabrezza scheggiato?

I fattori che possono provocare scheggiature nel vetro dell’auto sono:

  • l’urto contro oggetti che vengono sollevati dagli altri mezzi su strada, durante la marcia (possono essere sassolini, pezzi di asfalto, parti metalliche di piccole dimensioni);
  • la variazione di temperatura repentina, attenzione quindi a non togliere mai il ghiaccio dal parabrezza (durante l’inverno) usando acqua calda;
  • un’intensa grandinata.

A volte, invece di una piccola scheggiatura, si forma proprio una crepa, anche lunga più centimetri. Il parabrezza in genere, in questi casi, non va in mille pezzi (a meno che non venga colpito da un oggetto molto pesante e/o di grandi dimensioni). È realizzato infatti a strati: due lastre di vetro sono tenute insieme da un foglio di plastica in mezzo. Questo, al contrario di quanto accade per il lunotto posteriore e i finestrini, riduce il rischio di frammentazione e lesioni a conducente e passeggeri.

Come riparare il parabrezza scheggiato

Ci sono delle officine convenzionate e specializzate nella riparazione dei parabrezza scheggiati. La riparazione deve avvenire in tempi rapidi, in modo che un danno di piccola entità non diventi tropo grosso e pericoloso, a causa delle continue sollecitazioni dovute alla marcia del veicolo.

Per riparare la scheggiatura, viene utilizzata una resina apposita, inserita all’interno della fessura; questa viene poi rifinita e fatta essiccare. La resina si indurisce e diventa parte del parabrezza, il danno in questo modo non si estende. Chiaramente la scheggiatura non deve ostacolare la visibilità del conducente, altrimenti il vetro deve essere sostituito completamente.

Sostituzione parabrezza: i costi

Il prezzo della sostituzione dipende sia dall’auto che dal tipo di vetro, ma anche dalla difficoltà dell’operazione, che varia in base allo specifico design della macchina. In media si possono spendere tra i 270 e i 700 euro.

Viaggiare con il parabrezza scheggiato: cosa dice il Codice della Strada

La legge italiana sanziona coloro che viaggiano con il parabrezza dell’auto scheggiato; come abbiamo visto, infatti, può essere molto pericoloso. L’art. 79 comma 1 del Codice della Strada prevede una multa di 71 euro per chi circola con il parabrezza danneggiato, che diventano 106 euro con decurtazione di 2 punti dalla patente per chi viaggia in autostrada.